Dove fare il bagno in Italia: le regioni con il mare più bello d’Italia

La classifica delle acque più pulite d’Italia, il mare più bello e dove andare a fare il bagno

mare pulito italia
Dove si trova il mare più pulito d’Italia

L’Italia con 7 mila chilometri di costa ha innumerevoli spiagge dove fermarsi per andare a fare un bagno. Certo, non sono tutte uguali le spiagge e soprattutto non tutte affacciano su un mare da favola, in acque turchesi e cristalline. Ci sono regioni che vantano un’acqua eccezionalmente pulita e sono quelle dove andare a fare il bagno. E c’è una regione che si è classificata al primo posto per la pulizia delle sue acque, e una che vanta il mare più bello d’Italia.

La classifica delle regioni con il mare più pulito

L’Italia ha alcune delle spiagge più belle d’Europa e perfino alcune delle più belle del mondo che fanno invidia alle blasonate spiagge dei Caraibi o delle Seychelles. Ad esempio Cala Coticcio nell’arcipelago della Maddalena rinominata la Seychelles d’Europa oppure Marina di Pescoluse in Puglia soprannominata le Maldive d’Italia.

Tratto distintivo di queste spettacolari spiagge è la limpidezza delle acque, un mare bello non solo da vedere, ma soprattutto pulito, non inquinato. E c’è una regione in cui quasi tutte le spiagge hanno un mare bello e soprattutto pulito.

A rendere nota la classifica sul mare più pulito d’Italia è il Sistema Nazionale Protezione Ambiente che coordina le varie agenzie regionali per l’ambiente, Arpa. Sono state analizzate le acque per determinare il livello di inquinamento da batteri fecali, come gli Enterococchi intestinali e l’Escherichia coli.

Non è raro infatti sviluppare gastroenteriti dopo un bagno al mare: colpa proprio di questi batteri provenienti da acque reflue. Basta ingoiare un po’ d’acqua sporca per ritrovarsi con fastidiosi e dolorosi mal di pancia. Per non parlare di dermatiti e altri disturbi che possono crearsi.

mare pulito italia
Le isole tremiti: uno dei tratti di mare più puliti in assoluto in Italia

Dalla ricerca delle Agenzie Arpa è emerso che la regione con il mare più pulito d’Italia è la Puglia, seguita dalla Toscana e dalla Sardegna. La Puglia ha quasi tutti tratti di mare ritenuti eccellenti: su 1000 chilometri di costa 676 sono balneabili e puliti. Ben il 99.8% dei punti controllati è stato classificato come eccellente.

Dove andare a fare il bagno: il mare più bello d’Italia

Sono sempre queste tre regioni, ovvero Puglia, Toscana e Sardegna, a spartirsi i riconoscimenti sul mare più bello. Infatti un mese fa sono state assegnate le 5 Vele Legambiente che sono andate in maggior parte a: Sardegna, Toscana e Puglia. Queste tre regioni vantano più comprensori premiati con 5 vele di tutte le altre regioni.

La Sardegna si piazza al primo posto con 6 comprensori premiati con 5 vele (Baronia di Posada; la Gallura; il comprensorio di Baunei, il litorale di Chia; l’Area marina protetta della Penisola del Sinis; e il litorale della Planargia); la Toscana al secondo con quattro (Maremma, Costa d’Argento; isola del Gigli, isola di Capraia); Puglia al terzo posto con tre comprensori (isole Tremiti, Alto Salento adriatico; l’Alto Salento ionico).

mare pulito italia
La Sardegna è una delle regioni con più comprensori premiati 5 Vele Legambiente

Non è che il resto di mare in queste regioni sia meno bello. Le 4 vele sventolano su ben 12 comprensori della Sardegna e su tutta la costa del Gargano e del Basso Salento. E la Toscana addirittura vanta il comprensorio di mare più bello di tutto, il tratto della Maremma.

mare bello italia
Cala Violina in Maremma, Toscana uno dei tratti più belli e puliti d’Italia

Dunque se state pensando a dove andare per farvi un bagno in un mare bello e pulito Toscana, Sardegna e Puglia vi aspettano.

Previous articleOlimpiadi Tokyo 2020: l’Italia sfila in tuta bianca con tricolore, le battute
Next articleCovid in Italia: sale ancora l’incidenza dei contagi, indice Rt sopra 1
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.