Covid, le Regioni che potrebbero passare in zona gialla

Covid, le Regioni che potrebbero passare in zona gialla. Le ultime notizie aggiornate.

covid regioni zona gialla
Covid, le Regioni che potrebbero passare in zona gialla (Foto di Ivan Ragozin su Unsplash)

La ripresa della curva epidemica del Coronavirus sta rovinando le vacanze a molti italiani, in patria e all’estero, soprattutto ragazzi. Quarantene lontano da casa, viaggi cancellati e disdette. Vaccinazioni e Green pass non sono sufficienti contro la contagiosa variante Delta, che sta sconvolgendo i piani per l’estate di migliaia di persone.

Mentre Barcellona reintroduce il coprifuoco, in piena estate, Sicilia e Sardegna si blindano, con la reintroduzione del tampone per chi arriva da zone a rischio (come Spagna e Portogallo).

Al momento, per fortuna, all’aumento dei contagi non corrisponde un aumento dei ricoveri in ospedale. Segno che i vaccini stanno funzionando nel perseguimento del loro obiettivo principale: la protezione dalla malattia grave e dal ricovero in ospedale.

L’aumento dei contagi, però, ha provocato un balzo dell’incidenza settimanale, con il rischio che alcune Regioni possano trovarsi in zona gialla già entro la fine del mese. Ecco cosa bisogna sapere.

Leggi anche –> Viaggi all’estero a rischio per la variante Delta, l’avviso della Farnesina

Covid, le Regioni che potrebbero passare in zona gialla

Aumentano i contagi di Covid in Italia, molto probabilmente per la più contagiosa variante Delta del virus. I dati dell’ultimo monitoraggio settimanale registrano una netta crescita dell’indice Rt nazionale, che si avvicina a 1, e dell’incidenza settimanale dei contagi su 100mila abitanti. Quest’ultimo dato preoccupa le Regioni perché è quello in base al quale si decide il cambio di colore delle Regioni e Province autonome e in alcune si sta avvicinando pericolosamente alla soglia limite di 50 casi.

Per la prossima settimana non ci saranno cambiamenti di colore delle Regioni, anche perché nessuna ha ancora superato la soglia limite, ma l’incremento è rapido. Sel’andamento dell’incideza fosse confermato alcune Regioni potrebbero trovarsi in giallo. Potrebbe, comunque, essere evitato se nel calcolo dei criteri per il cambio di colore e il ripristino delle restrizioni si tenesse conto dei dati sui ricoveri, in questo momento ancora molto bassi., come richiesto dalle Regioni.

In ogni caso, tenendo conto per il momento solo dell’incidenza settimanale dei contagi, ecco quali sono le Regioni con i livelli più alti e che corrono il rischio di dover cambiare colore a fine luglio, tornando in giallo.

  • Sardegna: incidenza settimanale a 33,2 casi
  • Sicilia: incidenza a 31,8 casi
  • Veneto: a 26,7 casi
  • Lazio: a 24 casi
  • Campania: a 21,7 casi.

L’incidenza dei contagi nelle Regioni, tuttavia, potrebbe cambiare rapidamente, come accaduto con le altre Regioni che in un primo momento erano state indicate da zona gialla e che non sono presenti in questo elenco.

In ogni caso, il ministro della Salute Roberto Speranza ha rassicurato che in futuro nel cambio di colore delle Regioni avranno un peso maggiore i ricoveri. “In una fase caratterizzata da un livello importante di vaccinazione è ragionevole che nei cambi di colore e nelle conseguenti misure di contenimento pesi di più il tasso di ospedalizzazione rispetto agli altri indicatori”, ha spiegato il ministro.

I nuovi criteri dovrebbero essere inseriti nel nuovo decreto legge su cui sta lavorando il governo e che dovrebbe aggiornare il Green pass, estendendo le ipotesi di applicazione e soprattutto cambiando il suo rilascio, non più dopo la prima dose di vaccino ma dopo la seconda.

Leggi anche –> Green pass in Italia obbligatorio per viaggiare e andare a teatro: ecco da quando

palermo-3-giorni-cosa-vedere-gennaio (2)