Cos’è la forestoterapia: dove praticarla e a cosa serve

Direttamente dal Giappone arriva la forestoterapia, un metodo che aiuta tantissimo il nostro organismo e la nostra mente grazie al contatto con la natura. Scopriamo insieme cos’è, dove praticarla e a cosa serve.

Dove praticare la forestoterapia
Forestoterapia, dove praticarla e a cosa serve

Natura, consapevolezza, decelerazione, meditazione: questi sono gli elementi principali della forestoterapia, una nuova pratica per dare benefici al nostro corpo e alla nostra mente che arriva direttamente dal Giappone.

Un trattamento che si sta diffondendo anche nel mondo occidentale, grazie alle numerose proprietà benefiche che provengono da un incontro ravvicinato con i boschi e la loro natura.

Vediamo nello specifico di cosa si tratta e dove si può praticare la forestoterapia.

Cos’è e a cosa serve la forestoterapia

I Giapponesi chiamano la forestoterapiaShinrin-Yoku“, che tradotto vuol dire letteralmente “bagno nella foresta”. Dal nome già si capisce bene la filosofia che guida questa terapia benefica, ovvero immergersi nell’atmosfera della foresta durante una piacevole passeggiata.

Quando è nata?

Questa è una terapia che sviluppata in Giappone negli anni ’80, diventando uno degli elementi principali dell’assistenza sanitaria preventiva e della guarigione nella medicina giapponese.

Quali sono i benefici della Shinrin Yoku

I ricercatori del Giappone e della Corea del Sud hanno studiato i benefici per la salute del trascorrere del tempo tra gli alberi, dimostrando che questa pratica, detta in italiano forestoterapia, crea degli effetti neuro-psicologici calmanti attraverso alcuni cambiamenti nel sistema nervoso dovuti al contatto con la natura, riducendo il cortisolo, l’ormone dello stress e potenziando il sistema immunitario.

La forestoterapia non é trekking o jogging, non comprende esercizi fisici. Attraverso questa terapia ci si rilassa tra le bellezze della natura, connettendosi con essa attraverso i sensi di vista, udito, gusto, olfatto e tatto. Grazie a questa full immersion, il nostro organismo si purifica e il nostro livello di stress scende rapidamente.

Dove praticare il “bagno nella foresta”

Per praticare al meglio la forestoterapia, basta un bosco o una foresta per immergersi nella natura, senza tecnologia, telefonini e macchine fotografiche.

Se non si vuole fare questa cosa da soli, esistono numerose foreste e boschi in tutto il mondo dove si può partecipare a un vero e proprio programma di terapia organizzato da enti e associazioni.

In Giappone sono ben 44 le foreste Shinrin-Yoku accreditate ma esistono diversi luoghi simili nel mondo, anche in Europa e in Italia. Vediamo quali.

Dove praticare la forestoterapia in Europa e in Italia

In Scozia, ad esempio, grazie a una guida della Forestry Commission Scotland, è dal 2007 che si organizzano raduni per la forestoterapia, in cui i partecipanti si ritrovano immersi nella natura con un programma specifico da seguire.

Per quanto riguarda il nostro Paese esistono diversi luoghi dove poter praticare il bagno nella foresta, come ad esempio il Friuli Venezia Giulia, dove dal 2002 si studiano i benefici del contatto con la natura e si offre a chi vuole la possibilità di fare alcune sessioni con un esperto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da viagginews (@viagginews)

 

Sempre in Italia, anche a Pian di Termini in Toscana viene praticata la terapia forestale, in un sito che è stato dichiarato patrimonio forestale della regione, perfetto per rilassarsi e concentrarsi sulla propria salute.

Un altro sito interessante in Italia è al Parco del Respiro, che si trova a Fai della Paganella, in Trentino. Qui si trova il Sentiero dei Reti, dove il “Forest Bathing” può essere praticato insieme a una guida, un’escursione accompagnata da veri esperti della terapia che aiuteranno i partecipanti a ritrovare sé stessi e a curare la propria salute.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Petra Evelina Mathilda (@petra73_)

 

Una boccata d’aria fresca per ritrovare la propria serenità e avere anche benefici sulla salute, il tutto a contatto con la natura. Che ne pensate della forestoterapia?