Mobilità tra Regioni: arriva il pass per gli spostamenti

Mobilità tra Regioni: torna la zona gialla e arriva il pass per gli spostamenti. Cosa bisogna sapere.

regioni pass spostamenti
Spostamenti tra Regioni. Mario Draghi. Foto di Franco Origlia/Getty Images)

Nel comunicare i nuovi provvedimenti sulle riaperture tra la fine di aprile e i primi di maggio, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha annunciato anche il ritorno degli spostamenti tra Regioni, ma con alcune limitazioni.

La mobilità tra Regioni e Province autonome diverse è stata fortemente limitata dall’autunno 2020. Per contenere la diffusione dell’infezione da coronavirus è stata limitata tra Regioni e province autonome in zona gialla. Mentre è stata vietata tra Regioni arancioni e rosse, tranne che per giustificati motivi (lavoro, salute e necessità). Poi sono state introdotte limitazioni anche tra Regioni gialle, con la sola parentesi di libertà concessa prima di Natale.

Dalla fine del 2020 a oggi, non è stato più consentito spostarsi tra Regioni e Province autonome diverse, se non nei casi di giustificati motivi.

Finalmente, con il ritorno alla zona gialla annunciato dal Governo, dovrebbe tornare la libera mobilità tra Regioni e Province autonome. Ecco cosa bisogna sapere.

Leggi anche –> Trenitalia: arrivano i Frecciarossa Covid-free da Roma a Milano

Mobilità tra Regioni: pass per gli spostamenti

Dal prossimo 26 aprile, torna la zona gialla che era stata sospesa dal decreto legge di inizio aprile. Nelle Regioni e Province autonome che rientreranno in questa fascia, oltre alle riaperture già annunciate, tornerà anche la libertà di spostamento con le altre Regioni e Province.

Mentre tra le altre Regioni e Province autonome di colore diverso sarà introdotto un pass per gli spostamenti. Non si conoscono ancora le condizioni di rilascio del pass e come funzionerà. Se sarà riservato ai vaccinati o a coloro che abbiano effettuato un tampone negativo. Oppure se sarà concesso per motivi di lavoro, salute, necessità ed eventualmente familiari. Ci sono famiglie residenti in Regioni diverse che sono separate da molti mesi.

In conferenza stampa il premier Draghi ha solo detto che “gli spostamenti saranno consentiti tra regioni gialle e con un pass tra regioni di colori diversi“. Aspettiamo, dunque, ulteriori precisazioni sulla concessione e l’applicazione del pass.

Stando ad alcune anticipazioni di stampa, sembra che il pass proposto da Draghi per spostarsi tra Regioni di colore diverso funzionerà sulla falsa riga del passaporto vaccinale europeo, il Green Digital Certificate che dovrebbe entrare in vigore il prossimo 15 giugno.

Le funzioni e l’applicazione saranno definite nel prossimo decreto legge sul quale il Governo sta lavorando. Proprio come il passaporto vaccinale europeo, il pass per spostarsi tra Regioni dovrebbe prevedere la libertà di movimento per chi dimostri alternativamente una di queste tre condizioni:

  • la vaccinazione,
  • il test negativo a Sars-CoV-2, effettuato 24 o 48 prima,
  • la guarigione dal Covi-19.

Queste le anticipazioni, ma non si conosce ancora quando il nuovo pass entrerà in vigore.

Leggi anche –> Viaggi all’estero: dove si può andare in vacanza

Roma, il fiume Tevere (Foto di Mauricio A. da Pixabay)