Trenitalia: arrivano i Frecciarossa Covid-free da Roma a Milano

Trenitalia: arrivano i Frecciarossa Covid-free da Roma a Milano. Tutte le info utili.

trenitalia frecciarossa covid-free
Frecciarossa Trenitalia, stazione di Roma Termini (iStock)

Viaggiare in treno in sicurezza. Trenitalia lancia i Frecciarossa Covid-free da Roma a Milano, andata e ritorno, senza fermate intermedie. Per salire a bordo è necessario essere negativi al tampone per Sars-CoV-2. Una richiesta pari a quella per salire a bordo di un aereo.

L’iniziativa di Trenitalia vuole offrire una elevata sicurezza sanitaria e maggiore tranquillità per i suoi passeggeri. I primi treni Covid-free saranno i Frecciarossa della tratta tra le stazioni di Roma Termini e Milano Centrale. Partiranno dal 16 aprile, un treno da Roma a Milano al mattino e uno da Milano a Roma nel tardo pomeriggio.

I treni saranno diretti, senza fermate intermedie. Nei prossimi mesi, il servizio sarà esteso anche ad altre destinazioni. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Leggi anche –> Voucher Italo Covid, come chiedere il rimborso in denaro

Trenitalia: arrivano i treni Frecciarossa Covid-free da Roma a Milano

Saliranno a bordo dei treni Frecciarossa da Roma a Milano solo i passeggeri negativi al test per il virus Sars-CoV-2. Così come avviene per gli aerei. Sono i treni Covid-free o Covid-tested lanciati da Trenitalia per garantire la sicurezza dei viaggiatori e che partiranno da venerdì 16 aprile.

Per il momento saranno due collegamenti al giorno: il primo treno sarà il Frecciarossa 9618, in partenza alle 8:50 da Roma Termini per Milano Centrale, il secondo sarà il Frecciarossa 9653, che partirà alle 18.0  da Milano Centrale diretto a Roma Termini. Come abbiamo detto, non sono previste fermate intermedie. I passeggeri saliranno sul treno a Roma o Milano e scenderanno a destinazione.

Il test richiesto

Per salire a bordo del Frecciarossa è necessario esibire un test negativo al coronavirus, effettuato con tampone molecolare o antigenico in una struttura dal passeggero 48 ore prima della partenza. Il test antigenico rapido potrà essere eseguito anche in stazione, a Roma Termini o Milano Centrale, gratuitamente prima della partenza, negli appositi gazebo per test allestiti dalla Croce Rossa Italiana. Questa opzione andrà scelta al momento dell’acquisto del biglietto. Il passeggero riceverà anche l’indicazione del tempo di anticipo con cui recarsi in stazione per effettuare il tampone presso i gazebo CRI. Comunque, il numero di tamponi effettuabili prima della partenza è soggetto a limitazioni.

I gazebo della CRI sono: a Roma Termini in piazza dei Cinquecento, all’ingresso della stazione all’angolo delle mura Serviane; a Milano Centrale al piano stradale di piazza Duca d’Aosta, vicino all’ingresso della metropolitana.

Per effettuare il test nei gazebo della Croce Rossa per la partenza con un treno Covid-free si dovranno presentare: il biglietto del treno Frecciarossa, un documento di identità e la tessera sanitaria.

Il tampone è richiesto anche chi è stato già vaccinato. Invece, i bambini nella fascia di età da 0-6 anni sono esentati dall’effettuare il test.

In ogni caso, i passeggeri dovranno presentarsi almeno 45 minuti prima della partenza del treno. Dovranno presentare il biglietto, un documento di identità valido e la certificazione del risultato del test, la cui validità sarà controllata dal personale della Croce Rossa, che apporrà un visto per viaggiare.

Viaggio di ritorno ed eventuale rimborso

Il test fatto per il viaggio di andata sarà valido anche per il ritorno. L’orario dei treni, infatti, consente il viaggio da Roma a Milano, andata e ritorno, in giornata. Chi invece parte da Milano a Roma alla sera se vuole viaggiare con un treno Frecciarossa Covid-free anche per il ritorno dovrà pernottare nella capitale. Invece, non ci sarà bisogno di ripetere il tampone fatto all’andata se il test è stato effettuato alla stazione di partenza o comunque entro le 48 ore prima dell’orario di partenza del treno di ritorno.

Se un passeggero dovesse risultare positivo al coronavirus nel test effettuato in stazione non potrà salire a bordo del treno, naturalmente. Avrà, tuttavia, diritto al rimborso del biglietto del treno al 100%. Sarà sufficiente esibire il certificato del tampone. Il passeggero che ha perso il viaggio a causa della positività al virus potrà comunque scegliere tra un voucher della validità di 18 mesi o il rimborso in denaro del biglietto.

Leggi anche –> Travel Pass di IATA per il trasporto aereo debutta a Singapore

Modalità di viaggio

A bordo dei treni, comunque, la presenza dei passeggeri sarà contingentata e rimarranno in vigore le regole sul distanziamento. Solo il 50% dei posti a sedere saranno occupati e i viaggiatori saranno distanziati a “scacchiera”, come già avviene su tutti i treni di Trenitalia, in modo da evitare che due passeggeri si trovino di fronte. Rimane obbligatorio l’uso della mascherina a bordo.

I biglietti dei treni Covid-free si possono acquistare fino a 5 ore prima della partenza sul sito web ufficiale di Trenitalia, sulla app Trenitalia, presso le agenzie di viaggio abilitate, chiamando il Call Center (numero a pagamento) e presso le biglietterie (vendita fino a partenza treno).

La prossima estate, i treni Covid-free serviranno anche altre destinazioni, come Firenze, Napoli, Venezia e altre mete turistiche. Questi, almeno, sono i programmi di Trenitalia per consentire viaggi in treno in sicurezza.

Le Ferrovie dello Stato aumenteranno anche gli spazi a disposizione della Croce Rossa per allestire tensostrutture dove effettuare i test alla popolazione. Oltre a Roma Termini e Milano Centrale, nuovi gazebo saranno collocati nei pressi delle stazioni di Bari, Bologna, Cagliari, Firenze Santa Maria Novella, Napoli Centrale, Palermo, Reggio Calabria, Torino Porta Nuova e Venezia Mestre.

Già adesso nei gazebo davanti alle stazioni di Termini e Milano Centrale si possono fare tamponi a tutta la popolazione, ma con una corsia preferenziale per chi deve prendere il treno.

Per ulteriori informazioni: www.trenitalia.com/it/le_frecce/covid-free.html

Leggi anche –> Viaggi all’estero: dove si può andare in vacanza

Treno

Treno Frecciarossa (iStock)