Voucher Italo Covid, come chiedere il rimborso in denaro

Il voucher Italo per l’emergenza covid può essere convertito in rimborso monetario. Come e quando fare domanda

Italo
Monetizzare il voucher Italo Covid: è possibile

L’arrivo della pandemia lo scorso marzo 2020 ha lasciato a terra tutti coloro che avevano un biglietto per partire. Italo, così come Trenitalia, ha provveduto a rimborsare con un voucher spendibile in 12 mesi chi non poteva più partire a causa del lockdown. Ma sono moltissimi i viaggiatori che quel voucher ancora non lo hanno utilizzato.

Nel frattempo fra zone rosse e misure restrittive sono saltati altri programmi di viaggio e di conseguenza sono stati emessi nuovi voucher. Viaggiare è però ancora molto complicato oltre che per molti potrebbe non esserci più un motivo per partire. Dunque cosa fare di quei voucher? Si possono monetizzare? Ovvero è possibile avere un rimborso in denaro del voucher?

Italo rimborso voucher in denaro: come fare

La buona notizia è che è possibile monetizzare il voucher Italo emesso per l’emergenza Covid. Solo che è necessario rispettare la tempistica di validità del voucher stesso. Ossia solo alla scadenza del voucher inutilizzato è possibile far richiesta. E attenzione la scadenza è stata prorogata.

Tutti i voucher emessi dal 2 marzo 2020 avevano infatti una validità di 12 mesi. Questa è stata, dallo scorso settembre, estesa di altri sei mesi, portando dunque la scadenza del voucher a 18 mesi dall’emissione.

Al termine del periodo della validità, ovvero dopo un anno, dovrebbe arrivare una mail da Italo che informa della proroga della validità del voucher di altri 6 mesi. Solo quel punto, se si vuole monetizzare il voucher, si potrà chiamare il numero 892020 oppure il numero 060708 e chiedere appunto la monetizzazione del voucher. Alternativamente si può aspettare per farlo la scadenza dei 18 mesi.

Italo ribadisce che le richieste giunte prima della scadenza dei 12 mesi e prima dell’arrivo della mail che informa della proroga non saranno prese in considerazione. E’ necessario dunque controllare la data di scadenza del voucher (lo trovate nel corpo della mail del voucher) e monitorare poi nei giorni successivi alla scadenza la propria casella di posta. Se non arriva la mail chiamate il servizio clienti di Italo muniti del numero di prenotazione del vostro biglietto.

Acquisto biglietto e rimborso

Se state programmando un viaggio scegliete con attenzione la tariffa. A meno di eventi come il lockdown o di divieto di spostamento fra regioni, se rinunciate al viaggio di vostra scelta rischiate di non ottenere il rimborso se non avete la tariffa flessibile.

Leggi anche -> Come risparmiare estate 2021: bonus, offerte e rimborsi <<

Italo prevede diverse tariffe ognuna delle quali offre delle differenti garanzie. La Low Cost permette il cambio data non oltre i 3 giorni prima della partenza e offre un’integrazione del 50%; l’Economy permette di cambiare fino a 3 minuti prima della partenza e il rimborso è del 60%; con la Tariffa Flexi (la più costosa) si ha tutta la libertà di modificare quante volte si vuole e si può partire anche con un treno successivo entro le 3 ore.

Previous articleEstrazione Million Day 13 aprile 2021: diretta oggi numeri
Next articleDi che cosa è morto Leonardo Da Vinci: la verità sulla fine del Genio
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.