Diane Pranske: la donna è sopravvissuta a un crimine orrendo

La vicenda di Diane Pranske: la donna è sopravvissuta a un crimine orrendo, la sua storia raccontata da ‘Delitti a circuito chiuso’.

Diane Pranske (Facebook)

Una donna sopravvissuta a essere stata rapita, picchiata, aggredita sessualmente e data alle fiamme tre anni e mezzo fa si è trovata faccia a faccia con il suo aggressore nel giorno della sentenza in cui questi è stato condannato. La vicenda di Diane Pranske – questo il nome della donna – è tra le notizie di cronaca nera narrate dal format Delitti a circuito chiuso, in onda sul canale Nove.

Leggi anche –> Delitti a circuito chiuso: la morte di Shirley Shell, chi è l’assassino

Diane Pranske non può camminare e ha dovuto imparare di nuovo a parlare, ma nel 2019  – anni dopo i tragici fatti dei quali è rimasta vittima – ha appreso che Carleous Clay, il suo aggressore, trascorrerà il resto della sua vita in prigione. La donna è uscita dall’aula del tribunale federale con le mani in alto, sorridendo e applaudendo. Con lei suoi familiari e amici. Per come la vede lei, insieme ai suoi cari, questo è un giorno da celebrare.

Leggi anche –> Delitti a circuito chiuso: la morte di Joshua Richards al Luna Lounge

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il dramma di Diane Pranske, la donna sopravvissuta a un incubo

“Finalmente è finita. Posso andare avanti con la mia vita” – ha detto Diane Pranske dopo la sentenza – “Ho lasciato andare il mio odio e tutta la mia rabbia e posso andare avanti da qui”. Nel settembre 2015, secondo le accuse, Carleous Clay ha fatto irruzione nella casa della Pranske a Lansing e l’ha aggredita mentre tornava con la spesa. Clay ha gettato la madre di 53 anni nel bagagliaio della sua macchina, l’ha portata in macchina in Indiana e ha usato la sua carta di credito per sottrarle denaro dal suo conto prima di soffocarla, violentarla e poi darle fuoco.

Incredibilmente, la donna è sopravvissuta a questo orrore. Ora costretta a una sedia a rotelle, ha ustioni di terzo grado su un terzo del suo corpo. Per lei sono state attivate raccolte fondi e in tanti le hanno manifestato in questi anni la massima solidarietà dopo quanto accaduto. In aula la famiglia di Diane Pranske ha guardato un video delle telecamere di sorveglianza in cui lei cercava di divincolarsi dalle fiamme per cinque minuti e 17 secondi. Un video che ha messo i brividi a tutti i presenti.