Delitti a circuito chiuso: la morte di Shirley Shell, chi è l’assassino

Tra gli episodi del format Delitti a circuito chiuso, in onda sul canale Nove: la morte di Shirley Shell, chi è l’assassino.

Shirley Shell con la figlia

Ormai una dozzina di anni fa, Michael Gary, 37 anni, è stato condannato all’ergastolo senza condizionale dopo aver ammesso di aver ucciso Shirley Shell lo scorso giugno nella sua casa di Edmond. I pubblici ministeri hanno detto che il giovane uomo ha fatto irruzione nella casa della signora Shell intorno alle 2:30 del mattino dopo averlo scelto a caso. La vicenda è stata ricostruita anche dal format Delitti a circuito chiuso, in onda sul canale Nove.

Leggi anche –> Coppia anziana investita da ambulanza, i soccorritori scappano poco dopo

“Aveva bisogno di soldi per tornare in Ohio, quindi ha svaligiato questa casa e ha trasformato questo furto in un omicidio molto brutale”, ha detto Scott Rowland, assistente del procuratore distrettuale durante la dura requisitoria. La vicenda ha causato grande indignazione negli Usa e in particolare nell’Ohio. Sconcerto anche in Oklahoma, stato dove risiedeva la donna uccisa.

Leggi anche –> Tragedia Covid a Torino: positivo, scappa dall’ospedale e si suicida

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La terribile morte di Shirley Shell: cosa è accaduto alla donna

Rowland, accusando l’uomo, aggiunse un dettaglio da brividi: “Quanto al motivo per cui l’ha uccisa, non ne siamo ancora esattamente sicuri, e non credo che l’imputato lo sappia per certo”. Inizialmente il giovane assassino ha negato qualsiasi coinvolgimento. Ma, dopo aver tentato senza successo di suicidarsi in prigione, Gary ha ammesso di aver tagliato la gola di Shirley Shell. “Quando quel tentativo di suicidio fallì, lo prese come un segno che avrebbe dovuto assumersi la responsabilità e confessare”, ha detto Rowland.

Nella sua apparizione in tribunale prima della sentenza, Michael Gary si è ripetutamente scusato con la famiglia Shell. Il figlio della donna uccisa, Brian Shell, ha detto che la famiglia ha accettato le scuse di Gary e lo ha perdonato. “Siamo grati che sia pentito ed è molto ben informato su ciò che il suo atto ha causato”, ha detto Brian Shell. “Nessun peccatore o individuo è andato troppo lontano dal ricevere il perdono che Gesù morì per offrirgli. La vera libertà e pace possono essere trovate solo quando cerchiamo il perdono attraverso di Lui”, ha concluso l’uomo.