Gianluigi Paragone furioso col figlio: il video virale sui social

Il figlio di Gianluigi Paragone si dà alle scommesse clandestine? L’ex esponente del Movimento 5 Stelle si accorge di traffici di denaro “sospetti” e dà in escandescenze. 

Le Iene colpiscono ancora. Stavolta hanno fatto andare su tutte le furie Gianluigi Paragone, dopo aver nascosto nella casa del giornalista e senatore dei costosissimi telefoni e contanti facendogli credere che suo figlio Tommaso, loro complice, fosse finito in un giro di ricettazione e scommesse clandestine. La reazione dell’ex esponente del Movimento 5 Stelle è memorabile.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QU

L’ira paterna di Gianluigi Paragone

Nel filmato anticipato dalle Iene via social Gianluigi Paragone sbraitando contro la sua famiglia per “colpa” del figlio più grande, Tommaso, che gli fa credere di essersi dato alle scommesse clandestine finendo in un losco giro di ricettazione. Lo scherzo di Sebastian Gazzarrini al giornalista e parlamentare andrà in onda nella puntata di stasera alle 21.10 ed è stato possibile grazie alla complicità di tutta la sua famiglia.

Leggi anche –> Gianluigi Paragone espulso dal Movimento Cinque Stelle: cosa è successo

Come accennato, Le Iene hanno nascosto iPhone e costosi accessori in casa di Gianluigi Paragone. Quest’ultimo li ha poi trovati nei cassetti e nell’armadio, con tanto di libri che spiegano come fare soldi con le scommesse. Il figlio minore, Federico, ci mette poi il carico da novanta, alludendo a strani giri in cui si è infilato il fratello.

Come se non bastasse, Gianluigi Paragone trova anche una mazzetta in contanti: “Qual è l’origine di quei soldi? Vendendo roba come il Rolex della mamma? Da dove ti arriva tutta quella liquidità da scommesse clandestine?”. Gianluigi inveisce contro il suo pargolo con la forza di un fiume in piena: vedere per credere.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Le Iene (@redazioneiene)

Leggi anche –> Gianluigi Paragone, chi è: politica, vita privata e carriera