Tragedia Covid a Torino: positivo, scappa dall’ospedale e si suicida

Un quarantenne positivo al Covid è morto suicida la scorsa notte: in preda alla disperazione si è sparato sul balcone di casa.

Era ricoverato in un reparto Covid di un ospedale di Torino, ma ieri sera è riuscito ad allontanarsi dal nosocomio e a raggiungere casa. Poi è uscito sul balcone e si è sparato un colpo alla testa. L’uomo, un quarantenne, è morto la scorsa notte in un altro ospedale torinese, il Molinette, dove era stato trasportato d’urgenza subito dopo l’allarme. Stando a quando si apprende, è stato ricoverato in gravissime condizioni ed è deceduto poco dopo il ricovero

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il 40enne suicida dopo aver contratto il Covid

Al momento non si conoscono le motivazioni del gesto suicida. La vicenda è ora al vaglio degli inquirenti che stanno eseguendo tutti gli accertamenti del caso per far piena luce sull’accaduto. In queste ore di stretta sulle misure anti-Covid a livello nazionale, la notizia – purtroppo non la prima di questo genere, né probabilmente l’ultima – ha destato molto clamore.

Leggi anche –> Padre di due figli si suicida, la moglie: “Il Covid ha cambiato la sua personalità”

Certo è che dopo lo scoppio della pandemia c’è stato un aumento generalizzato dei casi di disagio psicologico, e in particolare dei disturbi legati ad ansia, stress, insonnia e depressione, e un peggioramento del funzionamento lavorativo e sociorelazionale. Con il passare del tempo le persone si sono adattate, l’aumento della propensione al suicidio e il peggioramento dei sintomi alimentari si è in parte ridimensionato, ma ansia e stress, bisogno di controllo e sicurezza, impulsività, sensazione di essere inutili, insonnia, impulsività e attacchi di panico sono continuati impattando pesantemente sulle vite dei cittadini.

Leggi anche –> Prato, agente di viaggio si suicida in agenzia: “E’ una vittima del Covid”

Violentissimo impatto