Uomo ucciso, trovato cadavere nei bagni di un bar: le ipotesi

Indagini in corso per chiarire gli aspetti che riguardano il delitto con vittima un uomo ucciso e nascosto nei bagni di un locale.

uomo ucciso bar Centocelle
Uomo ucciso in un bar a Centocelle Foto dal web

Uomo ucciso, e corpo ritrovato all’interno dei bagni di un bar. Si indaga su questa vicenda che ha visto come vittima un commercialista di 51 anni residente a Roma, C.B., il cui cadavere era stato messo nei locali sanitari di un esercizio di via delle Ninfee, nel quartiere Centocelle della Capitale.

Leggi anche –> Inscenò finto sequestro di Al Qaeda, arrestato imprenditore bresciano

Subito sono emersi dei segni che fanno riferimento ad una violenza subita. Le indagini sono affidate alla Squadra Mobile di Roma ed alla Polizia Scientifica, che hanno compiuto i dovuti rilievi con tanto di raccolta degli indizi. C’è già una ipotesi accreditata volta a ricostruire la dinamica di quanto accaduto.

L’uomo ucciso avrebbe preso parte ad una lite con uno o più individui, avendo la peggio. L’arma del delitto sarebbe un oggetto contundente non ancora identificato. Gli inquirenti hanno acquisito le immagini registrate dalle telecamere di sicurezza del bar. Sottoposti ad interrogatorio tutti coloro che lavorano o che gestiscono il locale.

Leggi anche –> Morti di Covid, padre e figlia uccisi dal virus in meno di un giorno FOTO

Uomo ucciso, era avvenuta un’altra circostanza controversa poco lontano

Si tratta di un uomo, della propria compagna e di una terza persona. L’Autorità Giudiziaria sta valutando la posizione di tutti quanti loro. Si apprende anche che, a poca distanza dal bar dove sarebbe avvenuto l’omicidio (ci sono pochi dubbi sul fatto che sia avvenuto tutto lì) una utilitaria era finita in fiamme.

Leggi anche –> Messa clandestina, prete ‘stuntman’ finge incidente poi picchia tutti VIDEO

Si tratta di una Fiat 500 e non si escludeva in un primo momento che le due vicende fossero collegate. Ma così non è stato. La macchina è andata bruciata si per un atto doloso, ma slegato da questo omicidio.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Ad appiccare le fiamme sono stati alcuni rapinatori che avevano cercato di forzare la saracinesca di una officina. La proprietaria della 500, una ragazza, ha visto tutto e ha avvertito la polizia, subendo questa rappresaglia. Nel frattempo le indagi sulla circostanza delittuosa di via delle Ninfee vanno avanti.

Foto dal web