Marta Novello accoltellata mentre faceva jogging: svolta nelle indagini

Marta Novello è il nome della ragazza accoltellata pochi giorni fa. Finalmente le indagini sembrano condurre a una pista. 

L’aggressione avvenuta 8 giorni fa ha scosso profondamente la comunità e ha lasciato tutti senza parole. Un 15 ha aggredito la ragazza con ben 23 coltellata. Un gesto all’apparenza immotivato e dall’inspiegabile furia violenta.

Ad oggi la Novello è uscita dalla terapia intensiva ed è stata ascoltata dalle forze dell’ordine. Un colloquio molto lungo che è durato diverse ore. Uno sforzo proficuo che avrebbe portato ad una svolta nelle indagini.

Marta Novello: svolta nell’aggressione della giovane aggredita al parco

Finalmente la 26enne ha avuto il via libera per essere dimessa dalla rianimazione. In base alle indiscrezioni, la ragazza si sarebbe subito ambientata nel nuovo reparto dove le visite con i suoi genitori saranno sicuro meno complesse.

Leggi anche -> Oroscopo del giorno, mercoledì 31 Marzo: previsioni segno per segno

“Gli interventi chirurgici, il rischio di infezioni, le medicazioni continue che hanno messo a dura prova anche il morale della giovane hanno ora portato a un buon miglioramento delle sue condizioni generali.” Queste le parole di Stefano Formentini, direttore dell’ospedale Ca’ Foncello dov’è ricoverata la ragazza.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Visto che le condizioni della Novello sono in via di miglioramento, oggi ha potuto avvenire un colloquio tra lei, il pubblico ministero per il Tribunale dei minori di Venezia, i carabinieri di Treviso ed esperti di analisi criminologiche. La riservatezza rimane massima. I contenuti dell’incontro non sono stati resi noti ma sono comunque trapelate delle indiscrezioni. Sarebbero proprio queste ultime a dire che ci sarebbe una svolta.

Leggi anche -> Attacco omofobo a Voghera, intervista a Valentina Peroncini

Per quanto riguarda il 15enne, al momento si trova rinchiuso nel carcere per i minorenni. I medici e il direttore dell’ospedale sono fiduciosi riguardo i suoi futuri miglioramenti. Tutti sperano che presto possa continuare la guarigione in famiglia.