Barbara Corvi, arrestato un uomo dopo 12 anni dalla sua scomparsa

Barbara Corvi, una donna di 35 anni, è scomparsa nel 2009. Dopo 12 anni viene arrestato un uomo per la sua sparizione.

Una donna di 35 anni, madre di due figli, era scomparsa dalla propria abitazione a Terni Barbara Corvi. Non si avevano più sue notizie dal 27 ottobre del 2009, ma oggi i carabinieri, su disposizione della Procura, hanno arrestato con l’accusa di omicidio un uomo.

Barbara Corvi era scomparsa dalla sua abitazione di Montecampano di Amelia nell’ottobre 2009 e da allora non si era più saputo niente di lei. Dalle prime indagini era emerso che, poche ore prima della sua scomparsa, la donna aveva avuto una discussione con il marito, da quando era legata dall’età di 15 anni. La Corvi aveva confessato al coniuge, Roberto Lo Giudice, di avere una relazione extraconiugale e, secondo la Procura, quella relazione sarebbe alla base dell’omicidio della donna, della quale non è mai stato trovato il corpo.

LEGGI ANCHE -> Barbara Corvi, sparita nel nulla da 11 anni: indagati marito e cognato

LEGGI ANCHE -> Morte Daniel Guerini, l’ipotesi di omicidio: novità dalle indagini

Per la scomparsa di Barbara Corvi viene arrestato il marito, Roberto Lo Giudice

Nei giorni successivi alla scomparsa di Barbara Corvi, i figli della donna avevano ricevuto una cartolina con su scritto: “Sto bene, voglio stare un po’ da sola, baci mamma“. Non è mai stato appurato da chi sia stata scritta la nota. Le indagini si erano arenate nel 2014 e la scomparsa era stata archiviata come ipotesi di sequestro di persona, a carico di ignoti. Lo scorso luglio, però, la Procura aveva riaperto il fascicolo in seguito al delitto di Angela Costantino, moglie di un altro componente della famiglia Lo Giudice.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

I carabinieri di Terni, su disposizione del procuratore capo Alberto Liguori, hanno eseguito un ordine di carcerazione per omicidio a carico di Roberto Lo Giudice, il marito di Barbara Corvi. L’uomo era indagato da oltre sei mesi per il reato di omicidio volontario. La famiglia della donna non ha mai creduto che si fosse allontanata spontaneamente da Montecampano e, inoltre, non avevano mai accettato il marito calabrese legato con la ‘Ndrangheta.