Regno Unito, insegnante mostra cartoni su Maometto: sospeso

Polemiche nel Regno Unito, un insegnante mostra cartoni animati su Maometto: sospeso dopo le proteste dei genitori.

(Daniel Munoz/Getty Images)

Un insegnante è stato sospeso da una scuola dopo che avrebbe mostrato cartoni animati di Maometto alla sua classe, scatenando una protesta da parte dei genitori. Moltissimi messaggi sui social media hanno esortato le persone a riunirsi fuori dalla Batley Grammar School nel West Yorkshire, dopo che un insegnante avrebbe mostrato i cartoni agli alunni.

Leggi anche –> Francia, prof decapitato in strada: “Mostrò vignette su Maometto”

Circa 50 genitori si sono riuniti davanti alla scuola questa mattina, ritardando l’inizio della giornata didattica di un’ora. Questo dopo alcune segnalazioni che riguardavano appunto il fatto che un insegnante dei loro figli avrebbe mostrato in classe dei cartoni animati sul profeta Maometto. Non è la prima volta che avviene un episodio di questo tipo, che scatena in particolare le proteste della comunità islamica.

Leggi anche –> Bestemmie in pubblico, scatta la multa: ecco quanto si paga

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Proteste per un insegnante che mostra cartoni animati su Maometto

(Uriel Sinai/Getty Images)

In una dichiarazione, la Batley Grammar School ha ammesso l’errore e ha spiegato: “La scuola si scusa inequivocabilmente per aver utilizzato una risorsa totalmente inappropriata in una recente lezione di studi religiosi”. L’insegnante in questione “ha anche espresso le sue più sincere scuse”. Dall’istituto fanno poi sapere: “Abbiamo immediatamente ritirato l’insegnamento su questa parte del corso e stiamo rivedendo come procedere con il supporto di tutte le comunità rappresentate nella nostra scuola”.

“È importante che i bambini imparino la fede e le credenze, ma questo deve essere fatto in modo sensibile”, spiegano dalla scuola, chiosando che “la scuola sta lavorando a stretto contatto con il consiglio di amministrazione e i leader della comunità per aiutare a risolvere la situazione”. Ma le reazioni intanto sono durissime dopo l’accaduto. L’imam Mohammed Amin Pandor ha rilasciato una dichiarazione fuori dalla scuola, dicendo che le vignette erano “totalmente inaccettabili” e ha detto che l’insegnante era stato nel frattempo sospeso dal servizio.