Calcio sotto choc, Branco intubato in terapia intensiva per il Covid

L’ex terzino del Genoa Branco, campione del mondo nel ’94, si trova ricoverato in terapia intensiva per complicanze dovute al covid.

Giungono notizie non incoraggianti dal Brasile riguardo le condizioni di salute di Claudio Ibraim Vaz Leal, conosciuto dagli appassionati di calcio come Branco. L’ex terzino, tra le altre, di Brescia e Genoa, infatti, si trova ricoverato all’ospedale di Rio Copa Star a causa delle complicazioni legate all’infezione virale da Covid-19. Secondo quanto si apprende da fonti locali, l’ex calciatore è stato ricoverato martedì 16 marzo con un quadro d’infezione polmonare molto grave.

In questi tre giorni le sue condizioni di salute sarebbero addirittura peggiorate, obbligando i medici a trasferirlo in terapia intensiva, dove si troverebbe intubato tutt’ora. Dal Brasile è giunta oggi la conferma che Branco è collegato ad “Apparecchi di ventilazione artificiale” e che “non ci sono previsioni su quando potrà riprendere a respirare autonomamente”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche ->Coronavirus 19 marzo: mai così tanti casi dal 28 novembre

La carriera di Branco da calciatore

Segnalatosi da giovanissimo nell’International di Porto Alegre e sbocciato calcisticamente nella Fluminense, Branco era noto per un sinistro potentissimo e preciso, in grado di renderlo letale sui calci di punizione. In Italia arriva alla fine degli anni ’80, quando il Brescia lo sceglie e gli permette di mettersi in mostra a livello europeo. Le prestazioni con la squadra lombarda gli permettono di ottenere l’interesse del Porto, club con il quale vince i suoi unici trofei europei (il campionato e la supercoppa portoghese).

Leggi anche ->Ciro Ferrara, perché è finito il matrimonio con la moglie Paola Pallonetto

Nel 1991 torna in Italia, vestendo in questo caso la maglia del Genoa. Con i liguri rimane tre stagioni, prima di tornare in Brasile e accasarsi al Gremio solo per il finale di stagione e successivamente al Corinthians. E’ il 1994 e Branco non sa ancora che sarà la stagione più importante della sua carriera: quell’anno, infatti, si contenderà il mondiale con l’Italia in finale, vincendo con il suo Brasile ai calci di rigore.