Alessandro Borghese positivo al Covid: come sono le sue condizioni

Ormai è noto che lo chef stellato Alessandro Borghese è risultato positivo al Covid e si trova in isolamento. Ma quali sono le sue condizioni di salute?

Alessandro Borghese è purtroppo risultato positivo al Coronavirus e da giorni fa costantemente sapere a tutti i suoi fan e a chi gli vuole bene, le sue condizioni di salute. Lo chef stellato si trova al momento in una stanza in isolamente in Trentino, dove è rimasto bloccato dopo il tampone positivo, forse perché stava girando un episodio di “Quattro ristoranti“. Nonostante per fortuna non c’è stato bisogno del ricovero in ospedale, la sua salute è ovviamente da tenere sempre sotto controllo. Ma ecco come sta oggi.

Alessandro Borghese positivo, ecco come sta

Oltre ai sintomi influenzali, lo chef ha fatto sapere di avere anche la febbre alta ed essere in generale molto debilitato. Tutti sintomi che rientrano nella manifestazione lieve del Coronavirus, per cui non è stato necessario per Borghese il ricovero in ospedale, come è invece purtroppo successo ad altri colleghi del mondo dello spettacolo. Giornalmente lo chef aggiorna i fan preoccupati sulle sue condizioni di salute.

Leggi anche–> Nuove direttive Covid: due metri di distanza e quarantena per i vaccinati

“Buongiorno a tutti dal mio bunker segreto.” – ha raccontato Alessandro – “ il quinto giorno che sono qui da quando ho preso il Covid.”  In seguito, lo chef ha rassicurato i followers che sta bene, nonostante la spossatezza e la sensazione di ossa rotte. “Sono tutto acciaccato.” – ha infatti confessato – “Spero di levarmi immediatamente di mezzo il Covid, perché dovrò sostituirmi i reni: non so più come posarmi sul letto. Ma a prescindere da questo sono anche piuttosto fortunato, quindi va bene così.”

Leggi anche–> Antonio Vanacore, l’ex calciatore morto di Covid a 45 anni

Si sente quindi fortunato Borghese, perché può parlare dalla sua stanza, dal suo “bunker”, e non essere costretto in un letto di ospedale o peggio attaccato ad un respiratore. Nella sfortuna di aver contratto il Covid, lo chef non ha perso la positività, il sorriso e la simpatia che lo ha contraddistinto sempre.