Ciclista morto, una fine tanto sfortunata quanto terribile per un uomo

Un ciclista morto ha perso la vita in maniera concitata durante uno sfortunato evento avvenuto sulla strada. Ora indagano le forze dell’ordine.

ciclista morto investito
Un ciclista morto investito Foto dal web

Ciclista morto, una tragica casualità è costata la vita ad un uomo. La drammatica circostanza ha avuto luogo a Gradilli, in provincia di Caserta. La vittima aveva 67 anni ed era molto esperta di ciclismo. Purtroppo una manovra di sorpasso ha portato al verificarsi della tragedia. Tutta colpa di un vuoto d’aria nel quale il ciclista morto si è trovato coinvolto in un sorpasso operato da un camion che lo seguiva.

Leggi anche –> Uccide il padre, 16enne al volante lo investe in retromarcia

Il 67enne si trovava in una strada percorsa in discesa. Il passaggio del mezzo pesante, avvenuto a velocità evidentemente sostenuta, ha creato un risucchio tale da far perdere l’equilibrio all’uomo su due ruote. Quest’ultimo ha così sbandato franando al suolo. E purtroppo un’auto che seguiva a poca distanza lo ha investito, travolgendolo in pieno. La morte non è sopraggiunta sul colpo ma poco dopo, quando il personale medico del 118 appena arrivato sul posto gli stava prestando soccorso urgente.

Leggi anche –> Tragico incidente: infermiera 29enne muore 8 anni dopo il fidanzato

Ciclista morto, l’automobilista che lo ha investito è indagato: il motivo

Proprio il conducente della vettura che ha colpito il ciclista ha provveduto subito dopo ad avvisare i paramedici. Sul luogo dell’incidente sono arrivate anche le forze dell’ordine, che hanno compiuto dei rilievi per ricostruire la dinamica di quanto successo. Da quanto è possibile evincere, l’impatto non poteva essere evitato se non con una brusca manovra da parte dell’automobilista.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Pilota sopravvive ad incidente aereo: 36 giorni da solo nella foresta

Lo stesso risulta ora indagato per omicidio stradale. Occorre stabilire se quest’ultimo abbia rispettato o meno la distanza di sicurezza. Una manovra che viene dimenticata da fin troppi e che ha portato al sorgere dell’assioma in base al quale chi tampona ha sempre torto. Circostanze nelle quali sono i ciclisti a morire non risultano purtroppo infrequenti sulle strade.

Foto dal web