Uccide il padre, 16enne al volante lo investe in retromarcia

Un giovane uccide il padre mentre è al volante dell’auto di famiglia. La tragedia è accaduta nel giro di pochissimi secondi.

Uccide il padre in un incidente
Uccide il padre in un incidente foto dal web

Uccide il padre in un incidente sfortunatissimo. La vicenda è accaduta in Puglia e ha visto come protagonisti un giovane di 16 anni ed un uomo di 48. Quest’ultimo ci ha purtroppo rimesso la vita. Il ragazzo ha investito e ucciso il padre in maniera involontaria dopo avere compiuto una manovra in retromarcia.

Leggi anche –> Tragico incidente: infermiera 29enne muore 8 anni dopo il fidanzato

Il minorenne, che non avrebbe mai e poi mai dovuto trovarsi al volante senza la supervisione di un adulto, non si è accorto della presenza del genitore proprio accanto alla parte posteriore del veicolo. Il tutto ha avuto luogo a Marina di Pulsano, una località situata in provincia di Taranto. Sembra che il minorenne volesse esercitarsi alla guida, nonostante solo fra due anni potrà conseguire la patente e mettersi alla conduzione del veicolo.

Leggi anche –> Paola Ferri, chi era la fidanzata di Bennato che morì nel terribile incidente

Uccide il padre, tutto quanto è accaduto in maniera sfortunata

Nel corso delle sue prove però il giovane avrebbe perso il controllo del veicolo, finendo con il travolgere l’uomo a velocità sostenuta mentre procedeva all’indietro. Quest’ultimo stava compiendo dei lavori appena fuori casa loro, una villetta. Questa ricostruzione è stata compiuta dai carabinieri arrivati assieme ad una ambulanza, sul luogo del drammatico evento. Purtroppo i sanitari del 118 non hanno potuto fare niente per salvare la vittima, che ha perso la vita sul colpo. I rilievi compiuti dalle forze dell’ordine hanno ricostruito la dinamica di questa disgrazia.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Pilota sopravvive ad incidente aereo: 36 giorni da solo nella foresta

Il padre del sedicenne è stato prima travolto e poi ha finito con l’essere schiacciato contro un muro. L’uomo lavorava come operaio presso il ben noto impianto industriale dell’Ilva di Taranto. Situazioni nelle quale dei minorenni o delle persone che non hanno dimestichezza con la guida necessitano sempre e comunque della presenza di almeno un individuo esperto accanto a loro.

Foto dal web