Mamma gli dà un pugno allo stomaco, morte atroce di un bimbo di 2 anni

Una mamma ventiseienne della Florida è stata condannata a 15 anni di carcere dopo che il suo bimbo di 2 anni è morto per percosse

Bimbo ucciso

Tragedia in Florida. Victoria Toth (26 anni) è stata accusata, insieme al suo ragazzo Johnathan Pursglove (27 anni), di omicidio colposo aggravato per la morte del figlio della Toth, Jayce Martin. Questa disgrazia è avvenuta nel 2018 a Orlando, in Florida. Il bimbo sembra essere morto dopo che un pugno allo stomaco ne ha causato “l’esplosione” dell’intestino. Ora la Toth rischia 15 anni di prigione dopo che, per un accordo che faceva decadere le accuse più gravi, ieri ha dichiarato la sua colpevolezza per abbandono di minore. Le autorità non hanno rivelato i loro sospetti su chi abbia picchiato Jayce. Tuttavia, hanno sottolineato come il compagno Pursglove, in aula il 3 marzo, abbia precedenti per violenza domestica.

Leggi anche –> Prigione di Alcatraz, perché venne chiusa per sempre il 21 marzo 1963

Bimbo ucciso

La storia del piccolo Jayce

I medici hanno detto che il bimbo era malnutrito e ammaccato quando lo hanno trovato sul pavimento della sua camera da letto, incosciente e ricoperto da vomito e bile. Nel verbale stilato all’arresto, la mamma di Jayce ha detto che suo figlio è stato probabilmente torturato a morte. Le autorità hanno poi aggiunto che il bimbo avrebbe potuto essere salvato se fosse stato visto subito da un medico. La donna ha detto di aver lasciato Jayce con il suo ragazzo Pursglove per andare a lavorare e che, quando il 15 luglio è tornata a casa, aveva trovato il compagno insolitamente stanco. Successivamente Jayce si ammalò gravemente per tre giorni, alla fine dei quali avvenne la tragedia. La mattina del 18 luglio, alle 6.30, Victoria trovò il bambino disteso a faccia in giù in una pozza di vomito. Questo la spinse a chiamare subito il 911. Il padre biologico di Jayce, Robert Martin, aveva precedentemente detto a Victoria di cercare cure mediche per il bambino, ma lei non l’aveva fatto. Quando i paramedici sono arrivati nella loro casa in Washington Shores, Pursglove stava cercando di rianimare il piccolo Jayce, ma non c’era più nulla da fare. Il bambino venne dichiarato morto.

Leggi anche –> Arianna Nanni, chi è la figlia di Ilenia Fabbri: non era in casa al momento dell’omicidio

Il caso del bimbo ucciso

Gli investigatori hanno detto che reputano che la madre abbia guardato per giorni suo figlio scivolare sempre più verso il coma, senza fare alcunché, “paura di mettersi nei guai”. Inoltre, la polizia ha trovato nel bagno della camera di Jayce la tavoletta e il coperchio del water rotti, cosa che li ha portati a sospettare che quella fosse l’arma usata per picchiare il bambino. Inoltre, la polizia ha detto che in alcuni muri della casa avevano trovato dei buchi dell’esatta dimensione di un pugno. I medici hanno affermato che il colpo basso inferto allo stomaco del bambino era stato così potente da fargli esplodere l’intestino, cosa che ha successivamente causato un’infezione.

Leggi anche –> Stefano Tabanelli, chi è il compagno di Ilenia Fabbri: estraneo all’omicidio

Il giudice Mark Blechman ha accettato il patteggiamento della mamma di Jayce, che sarà condannata in un secondo momento. Nel 2019, la donna ha affermato che il fantasma di suo figlio Jayce le aveva fatto visita e che l’aveva confortata durante il periodo di carcere. Da allora è stata rilasciata. Le autorità hanno anche rivelato che la coppia era rimasta in contatto, nonostante gli fosse stato ordinato di non farlo. Sembra che le conversazioni registrate tra i due fossero incentrate sul bimbo.

Bimbo ucciso