Prigione di Alcatraz, perché venne chiusa per sempre il 21 marzo 1963

Il carcere di Alcatraz è un luogo così famoso da essere entrato nell’immaginario collettivo, ma non tutti conoscono i motivi della sua chiusura. Ecco tutto quel che c’è da sapere al riguardo.  

Alcatraz è un’isola dell’Oceano Pacifico orientale appartenente alla municipalità di San Francisco, in California, nota soprattutto per avere ospitato dal 1934 al 1963 uno dei più famigerati istituti penitenziari del mondo, caratterizzato da condizioni di massima sicurezza che ne rendevano (quasi) impossibile l’evasione da parte dei detenuti. Nonostante sia stato chiuso ormai molti anni fa, è un luogo molto presente nell’immaginario collettivo e, nel bene e nel male, una vera e propria “istituzione”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quel che resta della Prigione di Alcatraz

Le caserme presenti sull’isola di Alcatraz furono acquisite dal dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti il 12 ottobre 1933, e l’isola divenne sede di una prigione federale nell’agosto del 1934. Alcatraz venne designata come carcere di massima sicurezza per detenuti reputati problematici per altre prigioni. Alle ore 9:40 dell’11 agosto 1934 giunsero ad Alcatraz i primi 137 prigionieri, provenienti via ferroviaria dal penitenziario di Leavenworth (Kansas), a Santa Venetia (California), prima di essere scortati sino ad Alcatraz a bordo di appositi furgoni da 60 agenti speciali dell’Fbi e da agenti della sicurezza delle ferrovie. Gran parte di quei prigionieri erano noti ladri di banche e assassini. La prigione inizialmente aveva uno staff di 155 guardie, tra cui il primo guardiano James A. Johnston e il suo vice J. E. Shuttleworth, entrambi considerati “uomini di ferro”.

Leggi anche –> Fuga da Alcatraz, la storia vera dell’evasione che ha ispirato il film con Clint Eastwood

Nei 29 anni in cui fu utilizzata la prigione ospitò alcuni tra i più noti criminali della storia americana, come Al Capone, Robert Franklin Stroud (l'”ornitologo di Alcatraz”), George R. Kelly, Bumpy Johnson, Rafael Cancel Miranda (membro del Puerto Rican Nationalist Party che attaccò l’edificio del Campidoglio statunitense nel 1954), Mickey Cohen, Arthur R. “Doc” Barker e Alvin Karpis. Fu chiusa il 21 marzo 1963 per gli elevati costi della sua gestione: era infatti necessario il trasporto sull’isola di alimenti, acqua potabile e indumenti. Alcuni politici americani arrivarono a sostenere che sarebbe stato più economico mantenere i detenuti nell’albergo più lussuoso di New York piuttosto che sull’isola. Anni dopo il carcere fu aperto al pubblico per le visite guidate: attualmente è gestito dalla National Park Service e fa parte della Golden Gate National Recreation Area.

Leggi anche –> Giro turistico ad Alcatraz, il carcere diventato museo dove si respira ancora terrore e paura