Nasceva 100 anni fa Gianni Agnelli, storia segreta dell’Avvocato

Oggi, venerdì 12 marzo 2021, Gianni Agnelli avrebbe compiuto 100 anni: ma chi era l’ex presidente della Juventus e della FIAT

Gianni Agnelli

Gianni Agnelli avrebbe compiuto oggi, venerdì 12 marzo 2021, avrebbe compiuto 100. In tanti lo celebreranno, ‘l’Avvocato’ ha lasciato il segno nel corso della storia sportiva e non solo essendo per tanti anni il presidente della FIAT. Il Novecento italiano è stato celebrato con la famiglia Agnelli vera protagonista della storia del nostro Paese. In un libro ‘Agnelli segreti’ di Gigi Moncalvo uscito nel 2012 è stata scritta qualche curiosità sulla propria storia dagli amori lesbici di Susanna Agnelli fino ai veri compiti di Montezemolo.

Leggi anche –> Gianni Agnelli, chi era: storia, amori, segreti, carriera dell’Avvocato

Si parla anche della storia di Edoardo Agnelli e della sua infelice vita con la scomparsa all’età di 46 anni nel 2000. Inoltre, si parla anche dei movimenti dello stesso Gianni Agnelli che voleva occultare il suo patrimonio con a costituzione di società più o meno schermate, in Italia e in Lichtenstein. La sua idea era quella di dare al gruppo una gestione unitaria che il diritto di famiglia dopo la sua morte non avrebbe permesso visto che Edoardo era ancora vivo.

Leggi anche –> Marella Agnelli Caracciolo, morta la moglie dell’Avvocato Gianni Agnelli

 Gianni Agnelli, tutti i suoi segreti

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Così nel libro si legge che, attraverso documenti riservati e pubblici, il controllo del gruppo è stato anche nelle mani di due avvocati: uno svizzero, René Merkt, e uno del Liechtenstein, Herbert Batliner. Negli ultimi vent’anni, infine, chi gestiva erano i due stretti collaboratori di Agnelli: Gianluigi Gabetti e Franzo Grande Stevens. All’età di 81 anni ha perso la vita Gianni Agnelli, precisamente il 24 gennaio 2003 a Torino nella sua storica residenza collinare Villa Frescòt per carcinoma della prostata. Il suo funerale è stato trasmesso in diretta su Rai 1 da Duomo di Torino, con una folla immensa per commemorare la sua figura che ha lasciato un segno indelebile nella storia italiana.

Gianni Agnelli