Cosa si può fare in zona rossa: divieti, spostamenti, negozi aperti, tutte le norme

Quali sono le regole e le restrizioni per la zona rossa? Cosa si può o non si può fare? Ecco una rapida “guida” con tutte le indicazioni necessarie. 

zona rossa regole spesa

Dal prossimo lunedì 15 marzo quasi tutta l’Italia è destinata a diventare zona rossa. E lo sarà al 100% per Pasqua, dal 3 al 5 aprile. Quali sono le regole e le restrizioni da rispettare? Cosa si può o non si può fare? Fermi restando il coprifuoco dalle 22 alle 5 e le altre restrizioni di natura generale (obbligo della mascherina e divieto di assembramento), ecco tutte le norme da seguire.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Il “vademecum” della zona rossa

Partiamo dagli spostamenti. In zona rossa non si può uscire di casa se non per comprovati motivi di “lavoro, salute o necessità” che devono essere autocertificati con l’apposito modulo. Dunque niente spostamenti anche all’interno del Comune, e ovviamente fuori regione se non per i soliti motivi. Ma è sempre consentito il ritorno al proprio luogo di residenza, domicilio o abitazione.

Leggi anche –> Italia in zona rossa e arancione: cosa cambia per scuole e nidi

L’ultimo Dpcm ha poi introdotto una stretta sulle visite a parenti e amici, proibite anche all’interno del Comune (e anche una sola volta al giorno). C’è però un’eccezione introdotta nel decreto Draghi: per Pasqua (3, 4 e 5 aprile) la visita sarà possibile una volta al giorno all’interno della regione, onde consentire i ricongiungimenti familiari.

Leggi anche –> Pasqua 2021: Italia tutta in zona rossa, come e quando

Passiamo a bar e ristoranti: restano chiusi ed è possibile solo l’asporto (fino alle 22 ma per i bar solo fino alle 18) e la consegna a domicilio. Chiusi anche i negozi (aperte solo le farmacie e i punti vendita essenziali), idem cinema, teatri e musei. Quanto alle scuole, in zona rossa sono chiuse quelle di ogni ordine e grado, quindi didattica a distanza al 100%.

Tra le Faq del governo anche il capitolo spesa: “Fare la spesa rientra sempre fra le cause giustificative degli spostamenti. Laddove quindi il proprio Comune non disponga di punti vendita o nel caso in cui un Comune contiguo al proprio presenti una disponibilità, anche in termini di maggiore convenienza economica, di punti vendita necessari alle proprie esigenze, lo spostamento è consentito, entro tali limiti, che dovranno essere autocertificati”.

Le passeggiate sono ammesse, “in quanto attività motoria”, esclusivamente in prossimità della propria abitazione, mentre “l’uso della bicicletta è consentito per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza o i negozi che vendono generi alimentari o di prima necessità. È inoltre consentito utilizzare la bicicletta per svolgere attività motoria all’aperto nella prossimità di casa propria, mantenendo la distanza interpersonale di almeno un metro, o per effettuare attività sportiva, mantenendo la distanza interpersonale di almeno due metri”.

E’ poi possibile andare nei luoghi di culto “più vicini a casa” e nei parchi “salvo diverse specifiche disposizioni delle autorità locali, a condizione del rigoroso rispetto del divieto di assembramento e comunque in prossimità della propria abitazione”. E lo sport? “Nell’area rossa è consentito svolgere l’attività sportiva esclusivamente nell’ambito del territorio del proprio Comune, dalle 5 alle 22, in forma individuale e all’aperto, mantenendo la distanza interpersonale di due metri. È tuttavia possibile, nello svolgimento di un’attività sportiva che comporti uno spostamento (per esempio la corsa o la bicicletta), entrare in un altro Comune, purché tale spostamento resti funzionale unicamente all’attività sportiva stessa e la destinazione finale coincida con il Comune di partenza”.

Infine, la celebrazione dei funerali è consentita rispettando le norme contro gli assembramenti, mentre “lo svolgimento delle manifestazioni pubbliche è consentito soltanto in forma statica e a condizione che, nel corso di esse, siano osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento”.

zona rossa Natale