Carlotta Benusiglio, la procura insiste: “Processate l’ex fidanzato”

Il caso della stilista Carlotta Benusiglio, fu omicidio o suicidio? La procura di Milano insiste: “Processate l’ex fidanzato”.

Carlotta Benusiglio

Resta un giallo la morte di Carlotta Benusiglio, la stilista trovata impiccata il 31 maggio 2016 a Milano. Un giallo che segna anche un evidente conflitto tra le richieste della Procura di Milano e quelle che sono le scelte fatte in altre sedi giudiziarie. Il pomo della discordia riguarda la tesi del suicidio, che i pm non intendono avvalorare, mettendo sotto accusa invece Marco Venturi, ex fidanzato della donna.

Leggi anche –> Morte Carlotta Benusiglio, spunta la pista omicidio: sospettato il fidanzato

L’ultimo capitolo di questa vicenda, prima di quanto avvenuto oggi e della decisione della Cassazione, lo avevano scritto i giudici del Riesame di Milano, che hanno confermato il provvedimento con cui il gip ha rigettato la richiesta di arresto del fidanzato. Secondo loro, non sussisterebbero “gravi indizi di colpevolezza a carico di Marco Venturi, avendo gli elementi acquisiti accertato, con un grado di rilevante probabilità, che la morte di Carlotta Benusiglio sia avvenuta per suicidio”.

Leggi anche –> Carlotta Benusiglio, scagionato il fidanzato della stilista: “Si è impiccata”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La nuova richiesta contro Marco Venturi: ha ucciso lui Carlotta Benusiglio?

Morte Carlotta Benusiglio omicidio

La procura di Milano non intende però arrendersi e oggi per la quarta volta arriva la richiesta di processare Marco Venturi. Gianfranco Gallo, il pm in passato titolare dell’inchiesta, aveva chiesto per tre volte l’arresto di Venturi e per tre volte gip, Riesame e Cassazione avevano risposto di no. Contro l’uomo ci sarebbero anche le accuse di stalking e lesioni, per episodi avvenuti tra il 2014 e il 2016. L’inchiesta è passata adesso nelle mani della pm Francesca Crupi, ma l’obiettivo della procura non cambia.

Infatti anche la nuova pm dell’inchiesta sostiene che le responsabilità del delitto siano da addebitare a Marco Venturi, quindi ha trasmesso l’istanza all’ufficio gip. La procura di Milano, in base a quelle che sarebbero le ultime novità emerse dalle indagini, ha ritenuto necessario il vaglio di un giudice, il gup Raffaella Mascarino, che dovrà chiarire se Marco Venturi dovrà andare a processo per omicidio oppure no. A quasi cinque anni da quel tragico 31 maggio, dunque, ancora non è emersa la verità sulla morte della stilista Carlotta Benusiglio.

Gestione cookie