Morte Carlotta Benusiglio, spunta la pista omicidio: sospettato il fidanzato

0
7

Il caso Carlotta Benusiglio potrebbe essere riaperto: gli investigatori indagano sull’ipotesi dell’omicidio, sospettato l’ex fidanzato Marco Venturi.

La notte tra il 30 ed il 31 maggio 2016, il corpo di Carlotta Benusiglio viene trovato appeso ad un albero del parco di Piazza Napoli a Milano. La 37enne stilista si trovava impiccata ad un ramo con una sciarpa e sin dal primo momento sono state vagliate due ipotesi: la prima riguardava il suicidio, mentre la seconda il possibile omicidio da parte del fidanzato della vittima.

Leggi anche ->Caso Maddie, Christian B prosciolto dall’accusa di un altro omicidio

Quella sera, infatti, i due erano andati in giro per locali, ma la serata non era andata per il verso giusto. Da tempo la coppia stava affrontando una crisi e le liti erano sempre più frequenti. Liti che hanno rovinato anche l’uscita del 30 maggio e che probabilmente hanno condotto alla morte di Carlotta. Sia che la stilista abbia deciso di farla finita, sia che il fidanzato abbia deciso di ucciderla ed inscenare il suicidio, le motivazioni sono da attribuire a quelle difficoltà.

Leggi anche ->Albenga, 30enne torinese trovato morto: aperta inchiesta per omicidio

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Morte Carlotta Benusiglio, la Procura chiede il riesame del caso

Nel 2018 vennero presentate in tribunale due perizie differenti. In una veniva scritto che le ferite sul collo era compatibili con un omicidio, mentre nell’altra che erano compatibili con l’ipotesi suicidio. Proprio questa divergenza, unita al fatto che il fidanzato della vittima è stato filmato mentre sia allontana dalla zona pochi minuti dopo la morte di Carlotta, ha convinto la Procura a riesaminare il caso. Il procuratore ha richiesto al Tribunale del Riesame una nuova perizia che risulterà decisiva per la riapertura delle indagini.

L’analisi fondamentale sarà il test alla gliforina, che permetterà di capire se ci sono delle ferite post mortem. In quel caso, dunque, si troverebbero due tipi di ferita, la prima da strangolamento, la seconda da impiccagione. I risultati del test si avranno a settembre e se dimostrassero che ci sono delle ferite post mortem, il caso verrebbe riaperto come omicidio volontario. Il sospettato sarebbe quindi l’ex fidanzato della vittima, Marco Venturi.