Covid, arrestato l'”untore”: si sputava nelle mani e toccava oggetti

La notizia choc arriva dal Brasile: arrestato un uomo che sputava nelle sue mani e toccava oggetti qua e là per spargere il coronavirus. 

Sputava ovunque, con folle pervicacia, per spargere il temutissimo Covid. Per tale motivo un uomo è stato arrestato due volte questa settimana, nello Stato brasiliano di Rio Grande do Sul (sud). Secondo quanto riferito dall’emittente tv BandNews, ha cercato di diffondere il virus di proposito, come un vero e proprio untore.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

pandemia contagi decreto gennaio

La follia di un uomo positivo al Covid

Secondo la ricostruzione della Polizia locale, dopo essere risultato positivo al Covid-19 l’uomo è stato avvistato in giro per la città di Planalto, nello Stato di San Paolo, intento a sputarsi sulle mani per poi sfregarle sulle maniglie esterne delle auto e in altri luoghi nei quali la malattia può essere facilmente trasmessa.

Leggi anche –> Covid, gli esperti: “Un virus endemico che resterà a lungo, rassegnamoci”

Il primo arresto è stato eseguito dopo che le telecamere di sicurezza hanno immortalato l’untore mentre compiva deliberatamente questa esecrabile azione. Una volta scarcerato, l’uomo è stato avvistato nella città di Iraì intento a compiere gli stessi gesti per diffondere il virus ed è stato quindi nuovamente arrestato. In seguito il tizio è stato accompagnato in un ospedale, dove si è dovuto procedere al ricovero coatto.

Tutto questo in un paese sempre più piagato dalla pandemia. Basti pensare che ieri il Rio Grande do Sul ha registrato il maggior numero di morti giornaliere dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, con 188 vittime, superando il record di martedì scorso. L’occupazione dei posti letto in terapia intensiva nello Stato supera già il 100% della capacità totale nei sistemi pubblici e privati e l’economia è vicina al collasso.

Leggi anche –> Covid Brescia, ricoverato in terapia intensiva a soli 19 anni