Covid Brescia, ricoverato in terapia intensiva a soli 19 anni

Gravissimi casi di Covid a Brescia e provincia, anche tra persone molto giovani: ricoverato in terapia intensiva a soli 19 anni.

(Spencer Platt/Getty Images)

Si moltiplicano anche tra i più giovani i casi gravissimi di Coronavirus: l’ultimo in ordine di tempo, è quello di un giovane di appena 19 anni che si trova nella terapia intensiva della Poliambulanza. Oltre a lui, nel reparto ci sono anche anche tre pazienti sui 40 anni. Questo a riprova che il Covid può avere gravi conseguenze anche su persone sane.

Leggi anche –> Rivolta in Parlamento, i senatori: fateci vaccinare subito, abbiamo la precedenza

Intanto, sempre nel bresciano, è saturo il reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Chiari e nove malati intubati sono stati portati in sale operatorie adibite a reparti di rianimazione. Secondo quanto si apprende, la situazione clinica del ragazzo di 19 anni era già molto seria, quando questi è stato ricoverato e subito portato in Rianimazione.

Leggi anche –> Tutte le Regioni che rischiano di diventare rosse da lunedì

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Ricoverati in terapia intensiva per Covid a Brescia: si abbassa l’età media

(Gabriel Kuchta/Getty Images)

In base a quanto sostiene il Corriere della Sera, nell’edizione locale, i reparti di terapia intensiva degli ospedali in provincia di Brescia si stanno riempiendo di persone sempre più giovani. In particolare, l’età media sarebbe scesa intorno ai 50 anni e le persone presenti non avrebbero avuto in passato patologie particolari. In generale, l’età media dei malati di Covid-19 nella zona si è notevolmente abbassata: il 22% ha meno di 24 anni e addirittura il 60% dei casi riguarda degli under 50.

Oltre mille i positivi in provincia di Brescia nelle ultime 24 ore e sono circa 5mila in Lombardia, tornata dunque su livelli davvero altissimi nelle scorse ore. Al Corriere della Sera, il direttore dell’ospedale di Chiari, Mauro Borelli, ha evidenziato che i pazienti sono “in condizioni molto serie, esattamente come quelli di un anno fa. È vero, oggi sappiamo che vanno pronati, che bisogna intubarli subito, che servono cortisone ed eparina, ma quando entrano in Rianimazione spesso ci restano 20 giorni”.