Paolo Crepet, chi è la moglie Cristiana Melis: età, lavoro, la loro storia

Paolo Crepet è uno psichiatra molto noto: la sua carriera non ha segreti, ma varrà lo stesso per la vita privata?

Paolo Crepet

Paolo Crepet, nato a Torino nel 1951, è uno psichiatra italiano, laureatosi in Medicina e Chirurgia all’Università di Padova nel 1976, per poi conseguire una seconda laurea in Sociologia all’Università di Urbino nel 1980. Sul suo sito ufficiale, parlando di sé, afferma: “Mi piace l’umanità, l’uomo…per questo da ragazzo ho guardato la facoltà di medicina come un modo per avvicinarlo. Poi la psichiatria è arrivata come scelta estrema in una grande stagione culturale. […] Tutto parte dalla ricerca della felicità e per questo credo che la psichiatria sia l’arte di rimuovere gli ostacoli alla felicità. Sono convinto che la psichiatria abbia più a vedere con l’arte che con altro.” Crepet, per quanto riguarda la sua carriera, non ha mai lesinato nel raccontarsi: lo dimostrano anche i numerosissimi saggi che ha scritto. Ma cerchiamo di capire qualcosa di più sulla sua vita priva e su chi sia la moglie, Cristiana Melis.

Leggi anche –> Milano, ancora assembramenti sui Navigli: la denuncia di Selvaggia Lucarelli

La vita privata di Paolo Crepet e Cristiana Melis

Non si sa molto della moglie del famoso psichiatra, Paolo Crepet: Cristiana Melis sembra essere davvero una donna del mistero. I due si sono conosciuti a Bologna e Paolo la descrive come la sua “fidanzata a lungo termine”. La Melis è stata anche descritta come una donna gentile, senza troppe pretese, delicata e assai modesta negli atteggiamenti. La coppia ha avuto una figlia, che hanno deciso di chiamare come la nonna dello psichiatra e saggista torinese: Maddalena. Su di lei, Crepet ha detto: “Se non fossi preoccupato per lei sarei demente. Però è una gioiosa preoccupazioneMaddalena invece probabilmente mi vede come un uomo che vive una condizione diversa da quella di molti altri“. Sembra che Crepet, alla fin fine, sia un uomo fortemente dedito ai valori familiari e, a tal riguardo, ha affermato: “Mi ha insegnato il valore della creatività, dell’immaginazione, del bello. Tutto parte dalla ricerca della felicità e per questo credo che la psichiatria sia l’arte di rimuovere gli ostacoli alla felicità. Sono convinto che la psichiatria abbia più a vedere con l’arte che con altro”.

Leggi anche –> I vaccini funzionano: calo dei contagi tra sanitari e over 80, bisogna fare presto