Matteo Bonforte, morto il ballerino: aveva 24 anni, lottava contro la leucemia

Un grave lutto ha colpito oggi il mondo della danza, addio Matteo Bonforte, morto il ballerino: aveva 24 anni, lottava contro la leucemia.

Matteo Bonforte (Facebook)

Non ce l’ha fatta il ballerino catanese Matteo Bonforte, 24 anni, che da tempo lottava contro la leucemia. La notizia della sua morte in così giovane età ha sconvolto quanti lo conoscevano e sono decine e decine i messaggi di cordoglio che arrivano in queste ore. Da sempre appassionato di danza, la vicenda del giovane siciliano è divenuta di dominio pubblico.

Leggi anche –> Antonio Catricalà morto, ipotesi suicidio per l’ex Garante Antitrust

In tanti, si sono uniti al dolore della sua famiglia e in queste ore molti lo ricordano: aveva avuto anche la possibilità di raccontare, negli scorsi anni, la sua difficile battaglia contro il male oscuro che se l’è portato via in alcune interviste. Originario di San Michele di Ganzaria, nel catanese, aveva scoperto la malattia circa un anno fa e per lui era iniziato davvero un periodo tremendo.

Leggi anche –> Marie-France Pisier, il giallo sulla morte dell’attrice: liti, abusi e presunto suicidio

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Cordoglio per la morte di Matteo Bonforte

Le cure, la chemioterapia, la speranza di farcela e la battaglia fino all’ultimo momento hanno caratterizzato dunque gli ultimi mesi di vita del giovane. Una battaglia eroica, quella di Matteo Bonforte, secondo quanto raccontano quanti lo hanno conosciuto e amato in questi anni. Un esempio da seguire, per molti, perché sottolineano come abbia saputo affrontare con grandissima dignità la sua battaglia e provare a sconfiggere quel mostro silenzioso che se l’è portato via.

Tra i messaggi più strazianti, quello di sua sorella: “E senti solo il cuore e il male non esiste più. E non c’è più dolore. Soltanto io soltanto tu. Questo silenzio sa di mille parole. Ed io starei qui ad ascoltarti per ore. Per anni un solo secondo. E se tu mi guardi Me ne rendo conto Che alla fine ogni volta. È solo l’amore che ci salva. Dalla ferita del mondo…”. Per molti altri, quel giovane era già un maestro di danza ed è diventato maestro ed esempio di vita: “Vola alto”, scrivono sui social quanti lo conoscevano.