Covid e lavoro senza orario, la Bayer inizia la rivoluzione

In Bayer via il cartellino, conta la produttività. E arrivano a casa schermo, tastiera e sedia ergonomica

Smart working – foto viagginews

Il Covid ha provocato una pandemia e eventi storici di tale portata segnano inevitabilmente la storia per le conseguenze che ne nascono sotto vari punti di vista e in diversi settori della vita. Una novità, storica, riguarda il mondo del lavoro. Lo smart working è stata un’esperienza che ha stimolato amministratori pubblici e imprese a proseguire anche con il ritorno alla normalità. Così, mentre alcuni Stati tra cui l’Italia puntano ad implementare definitivamente il telelavoro per alcune funzioni che si possono svolgere da casa, anche i privati pensano alla rivoluzione. Il colosso farmaceutico tedesco, Bayer, ha infatti deciso di sperimentare a partire dal prossimo aprire il lavoro senza cartellino. Non c’è più l’orario da rispettare bensì una produttività da portare a termine.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bayer, il colosso tedesco vuole rivoluzionare il lavoro dipendente

L’hr manager di Bayer Italia Maria Luisa Sartore ne ha parlato al Sole 24 Ore: “L’esperienza vissuta nell’ultimo anno ha consolidato e sedimentato un modo di lavorare e di vivere l’azienda che si basa sulla fiducia, sulla responsabilità e sulla cultura dei risultati mettendo sempre al centro le persone. Abbiamo la possibilità – prosegue il manager – di contribuire a scrivere una nuova pagina del lavoro, che vede superare la cultura del controllo dell’orario di lavoro, a favore di un rapporto basato sulla fiducia e sulla responsabilizzazione. La nostra azienda cambia paradigma ed affronta un grande cambiamento culturale, mantenendo sempre alta l’attenzione alla motivazione ed alla efficacia organizzativa”, conclude il manager di Bayer.

Leggi anche > Scienza e bambini, le novità

L’Italia, quindi, farà da apripista a quella che potrebbe essere una vera rivoluzione del mondo del lavoro che potrebbe dire addio al cartellino affidando ai dipendenti una produttività da portare a termine. Questo permetterà al lavoratore di organizzare il proprio lavoro potendo disconnettersi e rientrare quando meglio lo ritiene opportuno. Intanto l’azienda farmaceutica ha provveduto a inviare sedie, monitor e tastiera ai dipendenti sperimentali.

Leggi anche > Covid, verso la terza ondata

smart working Bandinelli segretaria
smart working Foto dal web