Coronavirus, il vaccino fa effetto: calo di contagi tra over 80

Anche in Italia si inizia a vedere il primo effetto del vaccino contro il Coronavirus: calo di contagi tra over 80, sostiene professor Brusaferro.

(TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

I primi effetti della campagna di vaccinazione iniziano a vedersi anche in Italia: infatti, se già in queste settimane abbiamo assistito a un lieve calo dei decessi, ora si vede una discesa dei contagi tra i più anziani. In questi giorni, infatti, è iniziata la campagna vaccinale per gli over 80.

Leggi anche -> Coronavirus, Colori Regioni: come cambiano dalla prossima settimana

Sono loro i soggetti più a rischio e per loro arriva dunque questa notizia che è davvero molto importante. La strada è ancora lunga, ma come dimostrano ad esempio i dati del Regno Unito, dove si è passano dai quasi 60mila casi in media al giorno a circa 12mila, la vaccinazione di massa è uno strumento per contrastare sia il virus che le sue varianti.

Leggi anche -> Variante Covid, dal Giappone nuova temibile mutazione più contagiosa

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Calo di contagi tra gli over 80, ma ancora molti rischi: primi effetti del vaccino Coronavirus

(Emanuele Cremaschi/Getty Images)

La conferma che il virus diventa meno pericoloso per gli anziani arriva anche dal presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro. Questi ha infatti oggi spiegato nella tradizionale conferenza stampa del venerdì: “L’incidenza dei casi di Covid tra gli over 80 sta diminuendo e questo è un primo segnale importante che ci mostra l’importanza di aderire alla campagna vaccinale attivamente”. Chiaramente, per una notizia buona ne arriva un’altra meno positiva: si registra “una crescita dei contagi nelle fasce più giovani”.

Brusaferro, nel corso della conferenza stampa, lancia un altro allarme, a cui chiede di “prestare massima attenzione”, e che riguarda sia la circolazione del virus in tutti i Paesi europei, che quello che sta accadendo in Italia con l’innalzamento dell’indice Rt. Il rischio ancora una volta di una terza ondata non è da sottovalutare: “Sono ormai poche le regioni a rischio basso, l’incidenza a livello nazionale è in lieve aumento e l’Rt medio sfiora 1. Tutto ciò ci mostra come lo scenario apparentemente stabile è in realtà in scivolamento verso un peggioramento”, chiosa.