Variante Covid, dal Giappone nuova temibile mutazione più contagiosa

Una variante Covid potenzialmente più pericolosa delle diverse già note spunta fuori e fa preoccupare moltissimo gli esperti.

variante Covid Giappone
Confermata nuova variante Covid Giappone FOTO Getty Images

Variante Covid in arrivo dal Giappone. Le autorità sanitarie del Sol Levante hanno individuato un nuovo tipo del virus, al quale hanno assegnato la sigla identificativa di E484K. Gli esperti hanno avuto modo di osservare l’agente patogeno, riscontrando un insieme di caratteristiche fino ad oggi attribuite in parte a quella cosiddetta inglese ed in parte a quella sudafricana.

Leggi anche –> Bufera in Vaticano: i dipendenti che non si vaccinano verranno licenziati

Le quali si sono dimostrate più resistenti ai vaccini presenti per la distribuzione di massa da fine dicembre. Secondo gli esponenti della comunità scientifica e medica giapponese ed anche di altre parti del mondo, questa variante Covid mai vista prima potrebbe purtroppo presentare dei problemi non da poco nel tentativo di tenerla a bada. C’è il pericolo infatti che essa possa essere più contagiosa in confronto alle altre mutazioni del virus. Questo ne starebbe accelerando l’espansione su suolo nipponico e sta portando le autorità locali a dovere studiare delle contromisure repentine nel tentativo di arginarne la diffusione. I primi segnali della presenza della variante giapponese risalgono a poco prima della metà dello scorso gennaio. Il 13 era giunta poi la conferma di questa scoperta.

Leggi anche –> Selvaggia Lucarelli Salvini, scontro sui ristoranti: “Non capisci” FOTO

Variante Covid Giappone, Moderna rassicura: “Vaccino ad hoc in due settimane”

Ad oggi ci sono 91 casi confermati nella sola regione di Kanto, con due persone infette che hanno visitato l’aeroporto. Non si sa se fossero in ingresso oppure in uscita dal Giappone. Ad ogni modo Moderna ha fornito delle rassicurazioni in merito, riferendo che l’azienda biofarmaceutica potrebbe sviluppare un ulteriore nuovo vaccino contro qualsiasi variante nel giro di due settimane.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Liliana Segre, insulti dopo il vaccino: duro attacco da Mentana FOTO

Una dichiarazione rilasciata in una intervista per il Corriere della Sera. Si può agire su un progetto già esistente – in questo caso la versione base del vaccino già realizzato – e modificarlo a seconda delle caratteristiche osservate nella mutazione. “Ma prima di potere agire occorre raggiungere una soglia minima di individui contagiati da una delle varianti note”.