Coronavirus 19 febbraio: preoccupa la crescita delle terapie intensive

Emergenza Coronavirus oggi 19 febbraio in Italia: preoccupa la crescita delle terapie intensive, ecco cosa sta accadendo.

(Emanuele Cremaschi/Getty Images)

Torna a salire il numero dei contagi, ma non solo: questo il primo dato che emerge dal bollettino giornaliero dell’emergenza Coronavirus, oggi in Italia. Crescono in maniera importante anche l’incidenza dei tamponi positivi, risaliti sopra il 5%, ma anche il numero dei ricoveri in terapia intensiva.

Leggi anche -> Coronavirus, Colori Regioni: come cambiano dalla prossima settimana

Ma andiamo con ordine e guardiamo quelli che sono i dati giornalieri, a partire dal numero dei contagi e dal totale dei tamponi effettuati. In Italia, oggi abbiamo avuto 15.479 nuovi casi su un totale di 297.128 tamponi antigenici e molecolari. Questo vuol dire che l’incidenza dei tamponi positivi, che tre giorni fa ha raggiunto il minimo sotto al 3,8%, oggi risale al 5,2%

Leggi anche -> Coronavirus, il vaccino fa effetto: calo di contagi tra over 80

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dati Coronavirus Italia oggi 19 febbraio: la situazione aggiornata

(Emanuele Cremaschi/Getty Images)

Il dato dei dimessi o guariti è ancora una volta più alto di quello dei nuovi contagi ed è oggi pari a 17.175, mentre i decessi registrati sono 348. Questo vuol dire che in Italia ci sono oggi 382.448 attualmente positivi, dato ancora in calo. Altro dato in calo è quello dei ricoverati: sono 19.890 (-118 rispetto al giorno precedente) e quindi scendono sotto la soglia dei 20mila. Un dato importante, anche se va registrata la controtendenza delle terapie intensive: sono 2.059 i ricoveri più gravi, 14 in più rispetto a ieri.

Gli ingressi nei reparti di terapia intensiva sono invece 151, in calo rispetto a quelli registrati ieri, che erano 177. Per quanto riguarda i nuovi casi su scala settimanale, negli ultimi sette giorni si registrano 11.941 casi in media al giorno, ovvero il 2% in meno rispetto a sette giorni prima. Il numero medio di decessi è di 313 al giorno, ovvero il 10% in meno rispetto a sette giorni prima. Quasi 100mila i vaccini effettuati nelle ultime 24 ore, mentre supera quota 2 milioni il numero di popolazione italiana che ha avuto almeno la prima dose di vaccino.