Marc Marquez compie 28 anni, perché Valentino Rossi non lo sopporta

L’8 volte campione del mondo Marc Maquez compie oggi 28 anni: la sua carriera e la rivalità con Valentino Rossi.

L’approdo di Marc Marquez in Moto Gp è stato travolgente, il ragazzo spagnolo ha da subito dimostrato un talento fuori dal comune, portandosi a casa il titolo iridato al primo anno in classe regina e a soli 20 anni. Il fenomeno iberico, che come tutti i ragazzi cresciuti in quest’era s’ispirava a Valentino Rossi, ha superato in precocità anche il suo idolo, divenendo presto qualcosa di diverso.

A livello di talento non ci sono piloti che possano contrastarlo in questo momento storico, ma il giorno dei suoi 28 anni è segnato da dubbi e incertezze. Lo scorso luglio, durante una rimonta a Jerez impressionante, il campione di moto è caduto malamente fratturandosi l’omero del braccio destro. Si è capito subito che si trattava di un infortunio grave, ma il pilota si è operato subito ed è tornato in pista la settimana seguente. Lo sforzo fatto ha causato la rottura della placca e la necessità di una seconda operazione.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Marc Marquez, il futuro a rischio e la rivalità con Valentino Rossi

Fuori dalle corse per tutta la stagione 2020, Marc Marquez è stato costretto ad una terza operazione a fine anno. I tempi di recupero non sono certi ed il rischio è che debba saltare buona parte della stagione 2021. Il timore è che il braccio (quello utilizzato per dare gas) non torni alla piena funzionalità e che la carriera di Marquez debba concludersi anzitempo. Anche quando lo scenario più fosco non dovesse concretizzarsi, il ritorno in pista ci potrebbe mostrare un Marquez meno dominante. Due anni fuori dalle competizioni farebbero perdere feeling con le moto a chiunque, inoltre, la caduta è frutto di uno stile di guida sempre al limite che dovrebbe cambiare e che ne ha fatto le precedenti fortune agonistiche.

Leggi anche ->Valentino Rossi ritiro, Lucchinelli: “Non vince da quando ci sono piloti forti”

Non ci sono dubbi  che il l’8 volte campione del mondo vorrà tornare in pista e tornare a vincere. Sin da quando è arrivato in Moto Gp il suo obiettivo è quello di battere tutti i record di Valentino Rossi per diventare il pilota più vincente della storia di questo sport. Un traguardo che fino all’incidente sembrava alla sua portata, ma che ora appare incerto. Proprio questa sua ossessione è stata la causa dell’astio di Valentino Rossi nei suoi confronti. La rottura tra i due (che prima si facevano simpatia ed erano cordiali l’uno con l’altro) si è verificata nel 2015 a Sepang, quando Marquez – fuori dalla corsa al titolo – si è frapposto tra Valentino e Jorge Lorenzo.

Leggi anche ->Valentino Rossi, il fratello Luca sarà suo rivale in MotoGP

Il comportamento dello spagnolo quel giorno ha fatto infuriare Rossi (alla caccia del 10° titolo), il quale per stizza lo ha colpito all’uscita di una curva causandone la caduta. Quel gesto di nervosismo gli è costato la penalizzazione per l’ultima gara ed il titolo mondiale. Da quel momento in poi, nessun tentativo di Marquez di chiudere la questione è servito per appianare le loro divergenze.