Giulio Golia, il drammatico messaggio fa commuovere tutti

Giulio Golia confessa un particolare drammatico sul suo passato e commuove tutti i fan de “Le Iene”, che condividono le sue parole sui social.

Pochi giorni dopo la Giornata Mondiale del Bullismo e Cyberbullismo, durante la puntata de “Le Iene” di ieri 16 febbraio, è stato dedicato al delicato e, purtroppo, attuale argomento un servizio di Giulio Golia. L’inviato ha parlato a cuore aperto ai telespettatori italiani, raccontando un pezzo doloroso della sua infanzia e del suo passato, a testimonianza della distruttività del bullismo, di cui possono essere vittime anche i nostri eroi della televisione. Il profilo instagram ufficiale delle Iene lo ha voluto omaggiare, condividendo un post.

Le Iene, Giulio Golia racconta il bullismo subito

Giulio Golia non ci racconta solo la storia di qualcuno, ma anche un pezzettino della sua infanzia. La sua storia testimonia che bulli e bullizzati ci sono sempre stati.” così è riportato sul post condiviso ieri sera dal profilo ufficiale delle Iene su instagram, per omaggiare il servizio di Giulio Golia sull’argomento.

Leggi anche–> Giulio Golia critica Immuni: “Coronavirus, sono stato malissimo”

Poco prima di lanciare un servizio proprio dedicato al cyberbullismo, infatti, Golia ha condiviso la sua storia e la sua visione sull’argomento.  “A 7 anni e mezzo i miei compagni di classe mi prendevano in giro chiamandomi ‘terrone, campanaro e chiattone.” – ha detto – “Ero sempre incazzato e piano piano ho perso il sorriso. Poi, invece, un giorno non so perchè ho iniziato a usare le mani per farmi rispettare e mi sono reso conto che stavo diventando come loro. Per fortuna mio fratello mi ha portato ad una lezione di judo e da lì sono cambiato totalmente perchè la mia rabbia la sfogavo sul tappeto.”

Leggi anche–> Giulio Golia ricoperto di critiche e insulti: “Nadia Toffa è morta e tu ti…

Golia poi conclude : “Ho scelto di raccontare questo pezzo della mia vita perché bulli e bullizzati ci sono stati sempre e forse ce ne saranno sempre. Io dovevo affrontare 3-4-10 stronzi che mi sfottevvano e beffeggiavano, oggi è tutto diverso perchè c’è internet e possono essere 30-40-10mila persone e sentirselo dire tutti i giorni fa male”.