Piano vaccini, Draghi cambia tutto: nuove categorie prioritarie, tutti i dettagli

Durante le consultazioni, il premier Mario Draghi si è espresso in merito al piano vaccini. Leggiamo insieme quali sono le sue intenzioni.

Le luci dei riflettori di tutto il paese sono oramai da giorni puntate sul premier incaricato Mario Draghi. L’uomo ce la sta mettendo tutta per esporre con chiarezza le sue proposte e le sue idee, che sembrerebbero prendere forma giorno dopo giorno sempre di più. Durante il corso delle consultazioni pare che l’economista abbia esposto il proprio programma in merito al piano vaccini. Scopriamo dunque insieme quali sono le sue intenzioni e quali sono state le sue dichiarazioni.

Leggi anche->Le priorità di Draghi: vaccino, scuola, lavoro, tutte le iniziative del nuovo governo

Dunque sembrerebbe proprio che il premier incaricato, durante le consultazioni, abbia esposto le prime idee e intenzioni in merito alle vaccinazioni. Il programma dell’economista entrerebbe in atto soltanto una volta che l’uomo si sarà insediato definitivamente a Palazzo Chigi, ed ha tutti i presupposti per cambiare le carte in tavolo. L’idea di Draghi sarebbe infatti quella di focalizzare l’attenzione su nuove categorie prioritarie. Ma di chi si tratta?

Leggi anche->Governo, Draghi presenta le linee guida: sorpresa sulle tasse

È quella degli insegnanti la categoria che secondo i piani di Mario Draghi dovrebbe rientrare tra le priorità assolute per quel che riguarda le vaccinazioni. Insieme a loro, il premier incaricato ha parlato anche del resto del personale scolastico. L’uomo si è inoltre espresso sul tanto discusso utilizzo dei tamponi rapidi, che vorrebbe implementare soprattutto tra gli studenti, in maniera continuativa e a tappeto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mario draghi, piano vaccini: le proposte del premier incaricato

Il premier incaricato Mario Draghi si è rimboccato le maniche durante gli ultimi giorni, illustrando in maniera chiara le sue intenzioni ed il suo programma. La priorità assoluta ricade indubbiamente sul piano vaccini, il quale in mano all’economista subirebbe modifiche non indifferenti. L’uomo ha dichiarato che l’UE si è già adoperata per risolvere il problema della quantità dosi, e, secondo la sua opinione, è giunto il momento di mobilitarsi anche per l’Italia. “Ora tocca a noi.” avrebbe affermato il premier, secondo quanto riferito dall’Ansa. Il programma Draghi prevede un aumento del personale, e le vaccinazioni nelle scuole. L’economista si è inoltre soffermato sul punto dell’incremento di una piattaforma online nazionale e dei call center, i quali dovranno essere assolutamente migliorati.