La sorellina scopre il fratello 12enne morto: si è impiccato in cameretta

Un ragazzino di 12 anni è stato trovato impiccato nella camera da letto dalla sorellina: le misure di blocco Covid lo hanno fatto sentire “triste e solo”.

Hayden Hunstable, di Aledo, in Texas, si è tragicamente tolto la vita ad aprile 2020, appena tre giorni prima del suo tredicesimo compleanno, perché non sapeva come affrontare il fatto di sentirsi isolato e depresso quando il Covid-19 ha causato la quarantena a livello nazionale. Oggi il padre Brad, 42 anni, parla della morte di suo figlio per aiutare a prevenire futuri suicidi giovanili. Negli Stati Uniti il suicidio è una delle principali cause di morte nei bambini e nei giovani adulti e Brad ha creato un’organizzazione chiamata Hayden’s Corner per incoraggiare i genitori a parlare ai loro figli della salute mentale e di come affrontare i loro sentimenti. Ha anche realizzato un cortometraggio chiamato Almost 13, che condivide la storia di Hayden e parla di come aiutare i bambini a vivere positivamente. Brad ha detto: “I genitori devono avere conversazioni con i loro figli sui loro sentimenti. Dobbiamo parlare ai ragazzi del suicidio e parlare ai ragazzi di come affrontare la depressione. Credo che ci sia uno tsunami di salute mentale in arrivo”.

Leggi anche –> Mamma ho mal di pancia, bimbo di 3 anni muore due giorni dopo

Ragazzino 12enne trovato impiccato a casa: è necessario parlare della depressione causata dal Covid-19

Brad ha detto che non aveva idea che Hayden fosse depresso e dice che non c’erano segni di avvertimento del suo stato mentale suicida. Il 17 aprile la sua figlia più giovane, Kinlee, ora di nove anni, ha trovato Hayden dopo che si era tolto la vita a casa loro. Parlando a Metro.co.uk, Brad ha detto: “Il Covid ha ucciso mio figlio. Penso che Hayden sarebbe ancora vivo oggi se il Covid non fosse mai successo. Non avevo idea che fosse in difficoltà o depresso, era un ragazzo così felice e amava i suoi amici e la sua famiglia. Ma il Covid è una tempesta perfetta per il suicidio e la depressione. Penso che tutto gli sia finito addosso, si è sentito sopraffatto e ha preso una tragica decisione. […] Ho praticato la rianimazione cardiopolmonare, ma non ho potuto salvarlo. Era morto. […] Non lo auguro a nessuno. Ho ancora incubi al riguardo”.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Jerome Boateng, morta ex fidanzata 25enne: si erano lasciati il 2 febbraio

Hayden era uno studente alla Aledo Middle School, amava andare a scuola e amava vedere i suoi amici: così quando non ha potuto fare queste cose la situazione lo ha colpito duramente, ha detto Brad. Il padre crede che Hayden possa essere stato spinto al suicidio da un incidente a casa che ha coinvolto il monitor del suo computer nuovo di zecca: “Gli abbiamo regalato un grande monitor curvo per Natale nel 2019, poco prima della chiusura, e lo adorava. Ma l’ha rotto per caso, ha fatto qualcosa di brutto in un gioco, si è frustrato e ha lanciato il suo controller. Ha colpito il monitor proprio nel mezzo. Gli abbiamo detto che non ne avrebbe avuto un altro, ma poi è arrivato l’isolamento e gli ho detto che avrebbe dovuto lavorare per averne uno nuovo. Ha fatto alcuni lavori in casa e gliene abbiamo preso uno più economico in aprile perché il 21 aprile era il suo compleanno e voleva giocare con i suoi amici.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

A causa del Covid non poteva fare una festa, così gli abbiamo preso un monitor per quello. Poi quando la polizia stava indagando dopo il 17 aprile, hanno scoperto che aveva rotto di nuovo il suo monitor, proprio nell’angolo. Non so se aveva paura di mettersi nei guai o era ansioso di non poter parlare con i suoi amici e di rovinare il suo compleanno”.