Controlli Covid: “Siamo qui per lavoro” invece stavano sciando

Un gruppo di cosiddetti ‘furbetti’ cerca di sfuggire ai controlli Covid dei carabinieri sulle nevi con una scusa assurda. Scatta la denuncia.

controlli Covid carabinieri
Denuncia a seguito dei controlli Covid dei carabinieri a Bolzano Foto dal web

I controlli Covid portano alla scoperta di nuovi cosiddetti furbetti. Che di furbizia però non ne dimostrano affatto, tutt’altro. I carabinieri di stanza nella stazione di San Candido, in provincia di Bolzano, hanno denunciato tre persone con l’accusa di false attestazioni dopo avere compiuto delle necessarie verifiche.

Leggi anche –> Contagi oggi, indice RT ed incidenza peggiorano: “Bisogna stare in casa”

Questi individui si erano recati in Alta Pusteria per trascorrere un periodo di vacanza sulle nevi. Ma sulle loro autocertificazioni avevano scritto di trovarsi lì “per lavoro”. Una cosa che si è scoperta essere in realtà non vera, dopo che i militari hanno interpellato il datore di lavoro. Il quale ha smentito questa giustificazione. Sotto accusa ci sono tre cittadini di nazionalità italiana, tutti originari di Trieste, che con il loro ‘capo’ avevano lavorato in realtà molto tempo prima, con il rapporto di collaborazione che nel frattempo risultava interrotto ormai già da diverso tempo.

Leggi anche –> Controlli, cercano di ingannare la polizia e va a finire così

Controlli Covid, finisce con una denuncia e con possibili gravi conseguenze

Il gruppetto era composto da individui tutti coinquilini tra loro. Il loro fermo risale a metà dicembre e risale a qualche giorno fa la denuncia a carico dei fermati in seguito ai controlli Covid. Prima di Natale la Provincia Autonoma di Bolzano si trovava in zona arancione ed il Friuli-Venezia Giulia era giallo. Non era possibile recarsi in Trentino-Aldo Adige per via del divieto che impedisce gli spostamenti da e verso altre regioni.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Controlli, scoperto banchetto clandestino dopo il matrimonio

Con la sola eccezione delle situazioni di emergenza e necessità legate a motivazioni di studio, lavoro o salute. E non era questo il caso. Se riconosciuti colpevoli, i decisamente per niente furbetti rischiano anche importanti conseguenze penali, avendo dichiarato il falso sull’autocertificazione, che è un documento ufficiale.