Evan Rachel Wood, chi è la donna che ha accusato Marilyn Manson di molestie

Evan Rachel Wood aveva accusato il cantante nel 2016. Scopriamo di più su questa attrice e sulla sua relazione con Manson. 

La Wood è un’attrice molto amata dal pubblico internazionale. Ha recitato in diversi film di successo e ha saputo costruirsi una carriera degna di nota.

La popolarità della donna era aumentata dopo il suo fidanzamento con il cantante Marilyn Manson. La loro relazione è presto  sfociata in una scandalo nel 2016.

Evan Rachel Wood, ecco cosa c’è da sapere su di lei: carriera, vita privata, foto

L’attrice è figlia d’arte, il padre è David Wood III e sua madre è Sara Lynn Moore. Il suo amore per l’arte della recitazione le scorre nelle vene fin da piccola. La sua carriera da attrice inizia con apparizioni in diverse serie televisive. Il successo arriverà con “Thirteen“, che le fa ottenere una candidatura come migliore attrice protagonista ai Golden Globe e agli Screnne Actors Guild Award.

Leggi anche -> Aurora Ramazzotti, le molestie del vicino di casa: lei svela tutto VIDEO

La sua carriera è ricca di successi. Nel 2007 ha vinto il Trofeo Chopard alla Rivelazione femminile al Festival di Cannes, mentre nel 2017 ha visto un Critics’ Choice Award e un Satellite Award grazie alla sua interpretazione in Westworld.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La sua vita privata e quella amoroso sono invece state decisamente turbolente. Cinque anni fa ha confessato di essere stata vittima di violenza e oggi ha dato un nome al carnefice: Marilyn Manson. “Il nome di colui che mi ha abusato è Brian Walker, noto come Marilyn Manson. Ha cominciato ad adescarmi quand’ero solo un’adolescente, poi ha orrendamente  abusato di me per gli anni a venire”, questa è parte della dichiarazione in cui la Wood ha dichiarato di essere stata manipolata per anni.

Leggi anche -> Modella si toglie la vita a soli 20 anni: aveva subito molestie a 13 anni

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Evan Rachel Wood (@evanrachelwood)

“Ho finito di vivere nella paura di ritorsioni, calunnie e ricatti. Sono qui, oggi, per mettere alla berlina quest’uomo pericoloso e fare i nomi delle industrie che gli hanno permesso di agire in questa maniera. Lo faccio perché non possa rovinare altre vite“. Quella che il cantante avrebbe inflitto alla Wood sarebbe stata una vera e propria manipolazione psicologica. Una denuncia che racconta episodi e situazioni molto diffuse che vengono taciute per paura di ritorsioni di ogni genere. Situazioni che grazie alle denunce possono far imprigionare i carnefici. Parlare e denunciare sono azioni che possono incoraggiare altre donne a farlo così da non lasciare impuniti i carnefici.