Alessia Marcuzzi, il retroscena su Nadia Toffa che nessuno conosce

Da Alessia Marcuzzi ecco arrivare delle parole bellissime nei confronti della compianta Nadia Toffa. “Ogni giorno mi faceva questo”.

Alessia Marcuzzi Nadia Toffa
Le Iene Alessia Marcuzzi Nadia Toffa Foto dal web

A ‘TV Sorrisi e Canzoni’, Alessia Marcuzzi fa dei retroscena dei quali i suoi ammiratori non erano a conoscenza. La chiacchierata con lo storico magazine di spettacolo è incentrata in particolar modo sulla lunga esperienza vissuta a ‘Le Iene’ dalla 48enne conduttrice televisiva. Lei ricorda di come il responsabile Davide Parenti la volle in sostituzione di Simona Ventura, nell’ormai lontano 2001.

Leggi anche –> Andrea Vianello, le sue condizioni dopo l’ictus che l’ha colpito improvvisamente

La prima parentesi di Alessia in versione giacca ed occhiali scuri si chiuse nel 2006, con l’incombere di altre esperienze televisive. Ma nel 2018 ecco consumarsi il ritorno a ‘Le Iene’, avvicendandosi ad Ilary Blasi. Una costante questa, che è avvenuta molto spesso anche in altre trasmissioni di Mediaset come ‘Il Grande Fratello’. E la moglie di Francesco Totti la accolse al suo posto anche con un bel videomessaggio. Un gesto che fu molto apprezzato. Ma quando dici ‘Le Iene’ non puoi non pensare a Nadia Toffa.

Leggi anche –> Lidia Schillaci, cosa ha fatto dopo Tale e quale show: la sua carriera oggi

Alessia Marcuzzi, il ricordo di Nadia Toffa

La bresciana, forse in assoluto il volto più amato della trasmissione di Italia 1, è al centro dei pensieri di Alessia Marcuzzi. “Nadia mi inviava ogni giorno delle immagini di fiori, delle frasi divertenti ed altre carinerie simili. Anche nel periodo che ha preceduto la sua scomparsa. Non sapevo che fosse prossima a morire”.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Carlotta Dell’Isola, “Vuoi sposarmi” con bestemmia dal suo Nello VIDEO

Fu proprio la Marcuzzi a tenere il discorso in televisione nella puntata concepita per commemorare la Toffa. Quella delle famose cento iene tutte presenti in studio e che si erano susseguite nel corso dei circa 20 anni di esistenza della trasmissione. “Quelle parole le dissi improvvisando, senza preparare nulla. Mi ha guidato Nadia”.