Nuovo DPCM in arrivo: tra due settimane potrebbe di nuovo cambiare tutto

Nuovo DPCM in arrivo, ecco perché tra due settimane potrebbe di nuovo cambiare tutto: gli esperti sono preoccupati per il “libera tutti”.

Tra due settimane un nuovo DPCM potrebbe ulteriormente cambiare le carte in tavola. Oggi gran parte del paese è rientrata in zona gialla, ma l’emergenza sanitaria non è finita e le prossime due settimane saranno cruciali per capire quanto ancora avremo a che fare con questo terribile virus. A preoccupare gli esperti è in particolare la caduta di alcune restrizioni a partire dal 15 febbraio: un improvviso “libera tutti” potrebbe causare una nuova ondata di contagi.

Ecco perché un nuovo DPCM potrebbe essere approvato a breve

Il nuovo DPCM non era atteso prima del 5 marzo. Quello approvato il 13 gennaio, infatti, sarà in vigore fino a quel giorno e durante tutto il mese di febbraio si andrà avanti traballando tra un colore di regione e l’altro. Eppure già il 15 febbraio cadranno alcune restrizioni, per esempio quelle degli spostamenti tra regioni gialle, determinando un progressivo miglioramento o peggioramento della situazione generale. Non è da escludere, dunque, che le regole possano essere modificate di nuovo.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Covid, perchè è fondamentale prevedere i malati gravi

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Ieri, domenica 31 gennaio 2021, l’attuale sottosegretario alla Salute Roberta Zampa ha sottolineato l’importanza delle prossime due settimane. A partire da oggi tutte le Regioni d’Italia sono in zona gialla eccetto Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la provincia autonoma di Bolzano, che restano in arancione. Con circa l’80% degli italiani “liberi” le piazze si sono subito riempite di assembramenti, ed è questo a preoccupare gli esperti: “Nonostante il passaggio in zona gialla e l’allentamento delle restrizioni e delle misure anti-Covid, bisogna mantenere comunque alta la guardia”, ha avvertito Zampa.