Lidia Vivoli, il mostro torna in carcere: cos’ha fatto alla nuova compagna

L’ex di Lidia Vivoli, Isidoro Ferrante, è tornato in carcere dopo aver picchiato e perseguitato la sua nuova compagna.

Lidia Vivoli lo aveva detto, e purtroppo ha avuto ragione. Dopo essersi salvata per miracolo dalla sua furia, aveva descritto il suo ex Isidoro Ferrante come un uomo pericoloso e capace di fare del male ad altre donne. Come previsto dalla hostess palermitana, il mostro è tornato in carcere per aver picchiato e perseguitato la sua nuova compagna.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Femminicidio Lidia Vivoli

La violenza perpetrata dall’uomo che tentò di uccidere Lidia Vivoli

Era il 2012 quando il violento barista finì su tutti i giornali per aver tentato di uccidere la sua ex, Lidia Vivoli, squarciandole la pelle con un paio di forbici e colpendola con oggetti contundenti. Il fattaccio era avvenuto a Palermo, dove i due avevano convissuto: l’uomo aveva aggredito e sequestrato la poveretta che riuscì a convincerlo a lasciarla andare solo con la promessa che non l’avrebbe denunciato. La gravità delle ferite riportate dalla donna e le sue condotte precedenti gli erano costate l’accusa di tentato omicidio e una successiva condanna a 4 anni e mezzo di reclusione.

Leggi anche –> Femminicidio | Lidia Vivoli ‘Il mio ex volle uccidermi a colpi di forbici’

Proprio quando Isidoro Ferrante stava per uscire Lidia Vivoli aveva sollevato pubblicamente la questione della sua pericolosità e chiesto di essere protetta. Una volta tornato libero, però, l’uomo ha dirottato la sua violenza verso la nuova compagna. Stando alla ricostruzione dell’accusa, la vittima sarebbe stata pedinata e vessata con centinaia di messaggi, dopo aver subìto assieme alla figlioletta un’aggressione. E solo per una fortunata serie di circostanze anche stavolta si è scampata la tragedia.

Leggi anche –> Lidia Vivoli, picchiata brutalmente dall’ex compagno, non si sente protetta dallo Stato

stupro richard Huckle ucciso