Conte-ter, al via il totoministri: chi entra e chi esce

Le ipotesi per la nuova squadra di Conte, che quasi certamente riceverà il suo terzo incarico della legislatura

Conte crisi dimissioni
Premier Conte – foto viaggi news

Le consultazioni dell’esploratore del Quirinale, Roberto Fico, hanno portato al primo risultato. Le parti in causa hanno dato la loro disponibilità a sedersi allo stesso tavolo per ragionare su un mandato nuovo con obiettivi scritti. Si parla innanzitutto di contenuti, cercando di trovare la sintesi giusta, evitando eventualmente quelle riforme nei campi dove c’è una netta divergenza. La “nuova” maggioranza sta sostanzialmente provando a riproporre il contratto di governo come metodo già visto nella nascita del governo gialloverde. Su Conte non c’è ancora la proclamazione ma tutte le forze, esclusa Italia Viva, vanno verso la dichiarata conferma di Giuseppe Conte, in quanto punto di equilibrio capace di sintetizzare le posizioni delle varie forze di maggioranza.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Conte-ter, parte il totoministri

Sui ministri, invece, si apre una partita tutta da giocare. Se dal Quirinale è filtrata l’indiscrezione di conferma di alcuni ministeri chiave per evitare ritardi nell’azione di governo, da una parte ci sono Italia Viva e i nuovi ingressi in maggioranza di Europeisti e di Centro democratico di Tabacci che dovranno avere il loro spazio. Economia, esteri, salute, affari europei i ministeri che, secondo il Quirinale, devono avere continuità dato il momento di necessaria rapidità in alcuni campi chiave come salute, economia e rapporti con l’Europa. Per lo stesso motivo, anche Arcuri sarebbe stato blindato dato il ruolo decisivo del commissario straordinario all’emergenza sanitaria. Tra gli uscenti c’è la richiesta di discontinuità per scuola, giustizia, lavoro.

Leggi anche > Covid, l’importanza della previsione dei casi gravi

Possibili gli ingressi di Orlando, vicesegretario del Pd e del renziano Ettore Rosato, oltre al ritorno di Teresa Bellanova alle politiche agricole. Difficile che il movimento accetti l’ingresso di Elena Boschi nella squadra. Da valutare anche il ministero degli interni, al momento ruolo ricoperto da Lamorgese.

Leggi anche > Italia in zona gialla, ma niente spostamenti

Conte Quirinale crisi governo
Salita Conte Quirinale crisi governo FOTO Getty Images