Donatella Rettore, l’operazione d’urgenza per il cancro: come sta

Qualche tempo fa Donatella Rettore è stata operata d’urgenza a causa di un cancro: come sta oggi la cantante.

Nel caos generato dal primo lockdown a marzo dello scorso anno, la notizia che Donatella Rettore era stata ricoverata e operata d’urgenza a causa del cancro è passata quasi sotto silenzio. Ad annunciare la necessità di sottoporsi alla seconda operazione nel giro di poco tempo era stata la stessa artista con un messaggio pubblicato sulle sue pagine social.

In questo la cantante si diceva consapevole che la notizia si sarebbe persa in mezzo al caos dei primi giorni di pandemia: “Bene, ve lo dico tanto in mezzo alla bufera sarà solo un tuono in più. Mi hanno operato allo Iov. Debbono rioperare e in fretta. Ciao a tutti, vi voglio bene. Abbiate cura di Claudio, Orso, Lupo e Collins”. Per fortuna l’operazione è andata per il meglio e non ci sono state complicazioni. Ad annunciarlo, ancora una volta, è stata lei stessa con una battuta: “Mi hanno detto che non morirò…Almeno non subito”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Donatella Rettore, come sta dopo l’operazione per tumore

Invitata da Eleonora Daniele a Storie Italiane qualche mese dopo l’operazione, Donatella Rettore ha spiegato di aver scoperto il tumore durante una visita di controllo. Per fortuna la cantante lo ha scoperto prima che il male si diffondesse ed all’operazione non è seguito un periodo di chemioterapia o radioterapia.

Leggi anche ->Donatella Rettore, chi era la madre nobildonna Teresita Pisani: la sua storia

Durante la trasmissione ha infatti sottolineato l’importanza della prevenzione: “Ero spaventata, non sapevo se ne sarei uscita viva…Ora ogni tre mesi devo fare un controllo”. Quindi ha confessato: “Una cosa così pesante non mi era mai capitata”. Insomma tutto è andato per il meglio, oggi Donatella sta bene e ringrazia tutti coloro le sono stati vicini in questo periodo complicato.

Leggi anche ->Donatella Rettore piange per la morte improvvisa: mi manca tantissimo