Coronavirus 28 gennaio 2020: altri 500 morti oggi in Italia

Emergenza Coronavirus oggi 28 gennaio 2020: altri 500 morti oggi in Italia, calano i positivi, la situazione aggiornata.

(Ian Forsyth/Getty Images)

Ancora grave la situazione legata all’emergenza Coronavirus in Italia e sebbene molti parametri stiano migliorando la paura per gli esperti è quella di una terza ondata tra febbraio e marzo. Anche oggi, il dato sembra essere stabile rispetto ai giorni scorsi, con un lento calo degli attualmente positivi.

Leggi anche -> La Lombardia è ancora zona arancione, la polemica di Sala

Come sempre, procediamo per ordine con un primo e importante dato che è quello dei nuovi contagi. Scendono sotto i 15mila giornalieri infatti i nuovi casi di contagio nelle ultime 24 ore nel nostro Paese. Sono infatti in tutto 14.372 a fronte di oltre 275mila tamponi, tra molecolari e antigenici.

Leggi anche -> Covid, la scoperta: alcune cellule predicono la malattia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dati Coronavirus oggi 28 gennaio in Italia: la situazione

(JYRKI NIKKILA/LEHTIKUVA/AFP via Getty Images)

Superiore al numero dei nuovi contagi è quello dei guariti o dimessi, che sono oggi 17.220, mentre si contano ancora 492 decessi, sotto la soglia dei 500 morti giornalieri, sebbene di pochissimo. Questo fa sì che cali il numero degli attualmente positivi: oggi in Italia ci sono 474.617 malati di Coronavirus, un dato che è ancora una volta in lieve, ma costante discesa, però deve essere continuamente monitorato.

Buoni anche i dati che riguardano la pressione ospedaliera: oggi abbiamo in Italia 447 ricoverati in meno rispetto a ieri. Molto importante il calo delle terapie intensive: sono 2.288 (-64 rispetto a ieri) i ricoverati più gravi. Sono 102 invece i nuovi ingressi nei reparti di terapia intensiva, anche questo un dato in calo. Per quanto concerne la media dei casi giornalieri negli ultimi sette giorni, si registrano 12.469 casi in media al giorno, con un calo meno netto rispetto ai giorni scorsi.