Wuhan a un anno dal lockdown: la Cina si prepara al Capodanno

Wuhan, un anno dopo il lockdown. Era il 23 gennaio dello scorso anno: ora la Cina in allerta per il Capodanno lunare

Wuhan party mascherine
Festa con migliaia di partecipanti a Wuhan Foto dal web

Un anno fa, il 23 gennaio 2020, il mondo ha visto entrare in vigore il suo primo lockdown dovuto all’arrivo del coronavirus a Wuhan, la città cinese dove sarebbe iniziata la pandemia. Un evento che ha cambiato il mondo, l’inizio di provvedimento che ben presto si diffonderà in altre parti del pianeta. A quel tempo, il resto del mondo era colpito dalle dure restrizioni e dalla rigida applicazione. Dalla fine di gennaio fino a giugno, la città è stata effettivamente isolata dal resto del paese. Ma anche se ha avuto un costo significativo, si è rivelato un metodo di grande successo per combattere il virus. Un anno dopo, la Cina è spesso considerata una delle storie di successo della lotta al virus. Le autorità hanno reagito con lentezza alle segnalazioni iniziali che indicavano una misteriosa malattia che circolava in un mercato di Wuhan alla fine del 2019.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Wuhan a un anno dalla data che cambiò il mondo

L’approccio non rapidissimo ha permesso a milioni di residenti della città di spostarsi nel paese nei giorni precedenti al capodanno cinese, a gennaio, che è un periodo tradizionale di grandi spostamenti per la Cina proprio per festeggiare l’evento tradizionale. All’inizio un rapporto dell’Oms ha criticato la risposta iniziale della Cina, affermando che le misure di salute pubblica avrebbero potuto essere applicate con maggiore forza. Ma una volta che la Cina ha finalmente riconosciuto che c’era un problema, le autorità hanno aumentato in maniera netta le restrizioni.

Leggi anche > Spostamenti, gli ultimi aggiornamenti del governo

Il 23 gennaio del 2020, due giorni prima che il Paese celebrasse il capodanno cinese, le strade di Wuhan erano silenziose: circa 11 milioni di persone furono messe in quarantena e le mascherine per il viso e le distanze sociali divennero obbligatorie. Quel 23 gennaio cambiò la vita dei cittadini di Wuhan e con essa quella di gran parte del mondo. Oggi la Cina ha superato il momento. I cinesi si apprestano a rinnovare la tradizione del Capodanno.

Leggi anche > Terrorista arrestato a Savona

scienziato cinese Wuhan
Laboratorio a Wuhan FOTO Getty Images