Spostamenti: aggiornamenti sulle regole in vigore fino al 5 marzo

Il governo, nella serata del 20 gennaio, aggiorna la sezione Faq. Le regole del Dpcm 14 gennaio 2021: ecco la zona arancione

Polizia locale

Il governo, nella serata del 20 gennaio, ha aggiornato la sezione Faq. Le regole del Dpcm 14 gennaio 2021: ecco la zona arancione e la modifica relativa agli spostamenti verso le seconde case. In sostanza, il governo ha sciolto alcuni nodi legati allo spostamento verso le seconde case. E’ consentito, anche se significa spostarsi fuori provincia autonoma o fuori regione. Lo spostamento è inoltre possibile anche se si va verso regioni di colore diverso, anche verso rosse o arancioni. Tuttavia, possono recarsi verso le seconde case fuori regione o fuori provincia solo  coloro che possano comprovare di avere effettivamente avuto titolo per recarsi nello stesso immobile anteriormente all’entrata in vigore del decreto-legge 14 gennaio 2021.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Spostamenti verso le seconde case, la novità

Per quanto riguarda le fasce ecco la suddivisione tra le varie regioni in vigore:

ZONA ROSSA

Lombardia, Provincia autonoma di Bolzano, Sicilia

ZONA ARANCIONE

Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria, Val d’Aosta, Veneto

ZONA GIALLA

Basilicata, Campania, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Toscana, Molise.

Intanto il governo è alle prese con la problematica legata alla riduzione dei rifornimenti di vaccini da parte della Pfizer rispetto a quanto previsto attraverso l’accordo firmato. Sono in atto azioni da parte dell’avvocatura dello Stato e anche le regioni sono pronte a seguire l’iniziativa. Inoltre, ieri si è tenuto un consiglio europeo in cui si è parlato dell’eventualità di limitare gli spostamenti aerei tra i paesi.

Leggi anche > Terrorista arrestato a Savona

La variante inglese sta allarmando alcuni paesi membri, in particolar modo Francia e Germania. Merkel e Macron hanno chiesto di chiudere le frontiere mentre Bruxelles ha cercato di mediare e mitigare questa posizione. Nel paese transalpino sono sorti vari focolai sparsi dovuti alla variante inglese.

Leggi anche > Strage in Canada, i segreti sul fucile

mappa italia