Focolaio in ospedale, al ‘Grassi’ di Ostia stop ai ricoveri: decine gli infetti

Scoppia un focolaio in ospedale e questo porta la direzione della struttura a fermare i ricoveri. Cluster confermato anche dalla Asl.

Focolaio in ospedale Ostia
Ad Ostia scoppia un focolaio in ospedale FOTO Getty Images

Focolaio in ospedale ad Ostia: il ‘Grassi’ ha visto il sorgere di diversi casi di positività che hanno colpito tanto alcuni pazienti sottoposti a ricovero quanto parte dei membri del personale. La cosa riguarda il reparto Covid free dove sono accolti coloro non colpiti dal virus. Virus che invece è arrivato anche lì.

Leggi anche –> Restrizioni Covid, matrimonio segreto a scuola: nei guai wedding planner

La notizia ha trovato conferma nella mattinata di venerdì 22 gennaio 2021. Il reparto ospita in totale 50 postazioni. Si parla di alcune decine di contagiati, con la quasi totalità degli individui che risulta asintomatica. La direzione sanitaria del ‘Grassi’ ha fatto sapere che comunque la situazione è sotto controllo e che sono scattate le misure di sicurezza previste. Già predisposto in particolare il trasferimento nel locale reparto Covid ed in altre strutture per i soggetti positivi, con questa operazione che faciliterà il processo di sanificazione necessaria degli ambienti colpiti.

Leggi anche –> Lite tra infermiere, in tre arrivano quasi alle mani per via del vaccino

Focolaio in ospedale, scattano le misure di sicurezza del caso

Questo focolaio in ospedale porterà però anche alla probabile interruzione dei ricoveri. Non ci si spiega il motivo dell’accaduto, dal momento che qualunque visita a persone sottoposte a ricovero risultano vietate e sospese da mesi. Con molta probabilità il tutto deve essere sorto da un operatore sanitario asintomatico senza sapere di esserlo.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Zona gialla, le regioni che puntano a cambiare: e Trento sogna ‘la bianca’

Leggi anche –> Dpcm gennaio, le risposte su cosa è permesso e cosa no nelle varie zone

La Asl Roma 3 conferma a sua volta quanto accaduto e parla di operazioni del caso già intraprese e di avvenuto iter di tracciamento per la verifica di tutti i contatti avuti dagli individui risultati positivi. Si punta ad individuare altre persone che possano risultare eventualmente positive e sottoporle ai provvedimenti previsti.