Restrizioni Covid, matrimonio segreto a scuola: nei guai wedding planner

È da non credere il numero dei partecipanti sorpreso a prendere parte ad un matrimonio tenuto di nascosto per eludere le restrizioni Covid.

restrizioni Covid matrimonio segreto
Nell’ambito delle restrizioni Covid le autorità sventano immane matrimonio segreto Foto dal web

Ancora una volta spunta fuori un controverso episodio di gente che cerca di eludere le necessarie restrizioni Covid per fare i propri comodi. Se dall’Italia di situazioni simili ne sono avvenute già fin troppe, ecco che anche all’estero non scherzano mica.

Leggi anche –> Lite tra infermiere, in tre arrivano quasi alle mani per via del vaccino

A Londra la polizia del posto ha sorpreso una coppia di sposini ed diverse centinaia di altre persone, tutte loro ospiti, nel corso di un ricevimento per un matrimonio che si stava svolgendo in gran segreto. La scena è davvero da non credere, soprattutto per via del fatto che teatro dell’eterno si era una scuola. Immenso l’assembramento che si era venuto a creare, con addirittura 400 invitati tutti ammassati in un unico ambiente, senza mascherine e senza alcun rispetto del distanziamento sociale e restrizioni Covid vigenti. L’organizzatore dell’evento, un wedding planner, ha ricevuto una denuncia dalle stesse forze dell’ordine.

Leggi anche –> Zona gialla, le regioni che puntano a cambiare: e Trento sogna ‘la bianca’

Restrizioni Covid, centinaia e centinaia al matrimonio segreto

A lui le autorità imputano le responsabilità maggiori. Ma sono fioccate multe e denunce per praticamente tutti gli altri partecipanti di questo matrimonio festeggiato in gran segreto ma anche contro la legge. La cosa desta enorme stupore per via della situazione molto pesante che la Gran Bretagna sta vivendo a causa della pandemia.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Dpcm gennaio, le risposte su cosa è permesso e cosa no nelle varie zone

I contagi quotidiani e le vittime continuano ad essere molto alti da mesi. E lì è sorta anche la cosiddetta variante britannica del virus. Eppure c’è chi continua a cercare di ingannare la legge, a danno sia degli altri che di sé stesso.