Coronavirus 22 gennaio: ancora 13.633 nuovi casi e altri 472 decessi

Emergenza Coronavirus oggi 22 gennaio in Italia: ancora 13.633 nuovi casi e altri 472 decessi, la situazione aggiornata.

(VINCENZO PINTO/AFP via Getty Images)

13.633 nuovi contagi con 265mila tamponi totali, inclusi quelli antigenici, e altri 472 morti: questo il dato odierno riguardante il contagio da Coronavirus in Italia. Così salgono a 2.441.854 i casi totali dall’inizio dell’emergenza, mentre ora i decessi totali sono 84.674, sempre dal 22 febbraio scorso.

Leggi anche –> Spostamenti, gli ultimi aggiornamenti del governo

A 11 mesi dall’inizio dell’emergenza, dunque, il quadro dei contagi nel nostro Paese si sta stabilizzando, sebbene purtroppo si debba fare quotidianamente i conti con i decessi. La notizia positiva della giornata riguarda in questo momento il dato dell’indice RT, che è tornato a scendere sotto quota 1, sebbene di poco.

Leggi anche –> Wuhan a un anno dal lockdown: la Cina si prepara al Capodanno

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Dati Coronavirus Italia 22 gennaio: la situazione

(DANIEL MIHAILESCU/AFP via Getty Images)

Nella giornata di ieri, sono stati diagnosticati 27.676 dimessi o guariti, che dunque fanno ulteriormente scendere il numero degli attuali positivi. Questi sono così 502.053, sempre più vicini alla fatidica soglia dei 500mila sotto la quale si spera possano scendere già da domani. Bene anche gli indicatori per quanto concerne ricoveri e terapie intensive, che si riducono rispettivamente di 382 e 28 malati in meno.

Scende ancora il numero medio di casi giornalieri: si registrano 12.776 casi in media al giorno, ovvero 3.586 casi in media in meno al giorno rispetto ai sette giorni precedenti. Questo equivale a un calo del 22%. Cala anche il numero medio di decessi: negli ultimi sette giorni, si sono registrati 478 decessi giornalieri, il due per cento in meno. Gli italiani vaccinati dal 31 dicembre sono 1,3 milioni e come noto il dato sulle nuove vaccinazioni risulta in questo momento rallentato dal calo della distribuzione.