Stato di emergenza, Speranza conferma: per quanto durerà

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, in un discorso alla Camera conferma lo stato di emergenza ed anticipa alcuni contenuti del Dpcm di prossima emanazione.

stato di emergenza Italia Speranza
stato di emergenza Italia Speranza FOTO Getty Images

Roberto Speranza, ministro della Salute, conferma la messa in vigore dello stato di emergenza in Italia almeno per i prossimi tre mesi e mezzo. “Vigerà fino al 30 aprile 2021, poi vedremo. In questa situazione così difficile serve stare uniti. Mi riferisco a Governo, opposizione, Stato e Regioni. C’è in ballo la salute degli italiani, che conta più di qualunque giochetto della politica”. Speranza ricorda anche come questa sia la crisi più importante vissuta dal mondo intero dal Dopoguerra ad oggi.

Leggi anche –> Ucciso dal Covid a 38 anni, il padre contro negazionisti e no vax

Eppure la luce in fondo al tunnel si intravede. E questo grazie all’arrivo di diversi vaccini già disponibili o che presto verranno distribuiti su vasta scala. “Ci saranno ancora mesi molto difficile ma il virus ha i mesi contati e riusciremo a sconfiggerlo”, ribadisce il ministro della Salute nel corso di una sua informativa tenuta alla Camera nella mattinata di mercoledì 13 gennaio 2021. Il fatto di avere ricavato diversi vaccini che hanno dimostrato elevatissima efficacia contro il virus in fase sperimentale dimostra come “bisogna avere fiducia ed incentivare la scienza”. Dal ministro arriva anche l’impegno a fare aumentare le dosi di vaccino da sottoporre quotidianamente agli italiani, appena arriveranno anche nuovi tipi di vaccino.

Leggi anche –> Vaccino, presidente Corte Costituzionale: “In caso di danni lo Stato deve pagare”

“C’è fiducia nei vaccini ma servono ancora mesi di sacrificio”

In particolare sono vicini ad ottenere i necessari permessi anche quelli di AstraZeneca e Johnson e Johnson, che verranno preceduti dal vaccino Moderna, già distribuito negli Stati Uniti. In Italia è poi sviluppato il ReiThera, il quale ha mostrato risultati molto incoraggianti. I numeri della pandemia restano alti e molto gravi però. E questo fa si che la gente continui a mostrare un atteggiamento di responsabilità. Riguardo proprio alla vaccinazione, Speranza auspica che la gente proceda senza che le autorità facciano ricorso ad una qualche forma di obbligatorietà. L’Italia è seconda alle spalle della Germania proprio per dosi somministrate, in queste oltre due settimane di campagna già iniziata in tutta Europa. “A chi non crede nel vaccino dobbiamo rispondere con massima trasparenza”.

Leggi anche –> Bollettino 12 gennaio: oltre 600 morti e 14mila contagi

Stato di emergenza, per Speranza necessario per via dei dati in peggioramento

I dati relativi all’ultima settimana mostrano un peggioramento in Italia, da qui la necessità di dovere stabilire lo stato di emergenza per i prossimi tre mesi. Infatti terapie intensive, indice di contagio Rt e focolai sono in aumento”. Il ministro comunica che ci sarà il divieto di spostamento anche in zona gialla e sarà vietato l’asporto per i bar dopo le 18:00, tra i diversi provvedimenti che verranno annunciati presto.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI 

Un pò a sorpresa però dovrebbe essere introdotta anche “la zona bianca, con meno di 50 casi ogni 100mila abitanti ed indice Rt al di sotto di 1”. Valore che fa scattare la zona arancione. Permarranno comunque, in qualunque situazione, ricorso a mascherine, distanziamento sociale e coprifuoco notturno dalle 22:00 alle 05:00.